COSENTINO STORY

Ho notato un bell’articolo di Antonello Bonacci sulla Gazzetta di Caserta, purtroppo assurdamente e malamente tagliato.

Lo ho rivisto su Rinascita Calena e penso sia giusto pubblicarlo per intero, per quei pochi lettori che forse se lo sono perso.

Vale davvero la pena riflettere su quanto dice.

“No allo sciacallaggio, all’utilizzo strumentale delle vicende, talvolta tristi, che colpiscono persone e personaggi più o meno in vista!

Per una buona volta però, diciamo no anche alle retromarce istintive, al vecchio caro trucco del nascondersi dietro a un dito.

Queste parole vogliamo rivolgere all’attuale Sindaco Caparco, che tramite stampa e siti di fiducia

avalla delle accuse pesanti ai danni dell’ex e mai più sindaco (così come amano definirlo quelli della maggioranza) Zacchia, che, a loro dire, ha “dato in usufrutto il paese ai casalesi per quattro scaglie ed una carica politica”.

Accuse pesanti, cari concittadini, che speriamo abbiano una ragione fondante.

Potremmo definirlo “garantismo ad intermittenza”: sconfinato per qualche uomo politico amico e concedente, ma del tutto assente per l’ex Sindaco, al quale si riserva il più intransigente giustizialismo.

Ci preme ricordare che durante l’ultimo Consiglio comunale dai banchi della maggioranza sono state richieste le dimissioni di Zacchia, ritenuto inidoneo a ricoprire la carica di consigliere a causa dei procedimenti giudiziari che lo riguardano.

Quando si tratta invece di Cosentino, l’attuale sindaco asserisce laconicamente: “Ritengo ingiuste le accuse a lui mosse!”.

Caro Sindaco, così sei poco credibile!

Sarà che per difendere la tua candidatura con il partito di Cosentino saresti disposto a perdonargli perfino la presunta vicinanza ai clan?

Perché di questo si sta parlando, te lo ricordiamo…

L’affaire Cosentino pare aver disorientato la stampa di maggioranza: fino a pochi giorni fa solerte a documentare la discesa del viceministro tra noi e l’investitura a Caparco come suo candidato alle provinciali.

Ora rispuntano le foto dell’utile Zacchia in compagnia dello stesso personaggio.

Tutto ciò però interessa fino ad un certo punto: da una parte si tratta di beghe e di imbarazzi, dall’altra di questioni giudiziarie che avranno corso nelle sedi opportune.

Quel che però preoccupa molti cittadini caleni è altro. E’ l’ipotesi di una forte commistione, sviluppatasi nel corso degli anni, tra le vicende locali e i disegni economico-politici delle “forze oscure“ presenti sul territorio.

La presenza di una regia che dirige alcune operazioni imprenditoriali e l’intercessione di politici di rango per ottenere il placet degli amministratori locali.

Questo emerge dalle accuse mosse al vice-ministro che ci fa riflettere sul nostro ambiente.

E guardate che non stiamo parlando solo della centrale di Sparanise.

L’area PIP, le cave, le lottizzazioni, la questione della privatizzazione dell’acqua, quest’ultima garantita dal nostro primo cittadino senza nessun coinvolgimento dei componenti dell’amministrazione, quanto hanno a che fare con interessi che vanno al di là della nostra Calvi?

Vorremmo saperlo.

In che misura rientrano nei disegni più grandi di noi?

Siamo e saremo merce di scambio nelle mani dei politici per conseguire i loro privilegi personali?

Il Sindaco Caparco ha affermato di voler competere alle prossime elezioni provinciali, per il partito di Cosentino, che a suo dire gli ha chiesto la disponibilità per rappresentarlo nell’Agro Caleno.

Cosa esattamente è chiamato a rappresentare?

A questo punto ce lo chiediamo.

Se si tratta di sposare a scatola chiusa tutti gli interessi in questione, allora guardiamocene bene.

I nostri rappresentanti devono davvero solo rispondere a chi di dovere nel momenti in cui si agisce sul territorio?

Davvero non possiamo essere autonomi nel decidere del nostro presente e del nostro futuro?

La corsa a guadagnarsi un posto all’ombra di personaggi come Cosentino tradisce forse l’esigenza di rientrare in giochi più grandi di noi, in sistemi di controllo del territorio di dubbia moralità?

Queste domande ci poniamo e l’incertezza della risposta non è affatto rassicurante.”

Commenti

  1. ma perchè il buon antonello pensa alla candidatura di caparco e si dispera di ciò invece di convincersi che lui non ne ha una certa??????

    RispondiElimina
  2. COMUNICATO STAMPA



    Consiglio D’Istituto: Pasquale GATTI riconfermato Presidente


    Fallito il tentativo di destituire dalla carica, il Presidente uscente Pasquale Gatti.
    A nulla è servito il palese interessamento di personaggi influenti della politica locale, segno che quando di mezzo ci sono i nostri bambini non ci sono “assessori” che tengano.
    Se ne sono accorti, a loro spese, i componenti della lista avversaria che, con una “ingiustificata spavalderia”, pensavano di spazzare via persone che per anni e senza nulla a pretendere (come è giusto che sia) si sono dedicati al bene della scuola. Basti pensare a Graziella Cipro che da 9 anni si dedica ininterrottamente alle problematiche scolastiche ricevendo, ad ogni elezione, sempre più consensi (è stata sempre la CANDIDATA più votata in assoluto).
    A nulla è servito, altresì, l’insistente interessamento (sempre delle stesse persone) teso a sponsorizzare la candidatura a Presidente di un componente della lista “perdente”. Fortunatamente la nostra scuola può vantare, al suo interno, personale scolastico di altro profilo morale, che ragiona in piena autonomia e non si lascia travolgere da “miseri” tentativi di occupazione di cariche istituzionali.

    Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno creduto in noi (genitori e personale scolastico) e a tutti gli altri componenti della nostra lista che non sono stati eletti.

    RispondiElimina
  3. Perché mi preoccupo della mia terra né di me né di Caparco. A me so badarci, non porti il problema. Cerchiamo di essere attenti tutti insieme a che le cose vadano sempre per il verso giusto, perché non sempre è giusto essere di parte. Questi temi qui non ammettono faziosità, riflettiamoci.
    Antonello

    RispondiElimina
  4. Cosentino non andrà in carcere... Caparco un sindaco onesto. Zacchia invece ha prestato il fianco ai casalesi involontariamente.

    RispondiElimina
  5. Pasqualle Gatti rieletto presidente del consiglio d'istituto solo per una questione anagrafica e non per una vittoria elettorale, visto che tra Gatti e Perna e finita 9 /su 9/ vergognati che scrivi falsi comunicati.

    RispondiElimina
  6. Consiglio d'istituto:
    La nostra lista ha totalizzato 283 voti mentre quella avversaria solo 241. Mi sembra evidente che il risultato elettorale è dalla nostra parte.
    I voti per l'elezione del Presidente sono stati 9 a 9. In caso di parità viene eletto quello anagraficamente più anziano. Non mi sembra di avere perso tanto è vero che sono stato nominato PRESIDENTE.
    Come vedi non ho diramato falsi comuinicati, non è nel mio stile.

    Sono altri quelli che dovrebbero vergognarsi e tra questi anche tu "caro amico mio" che offendi gratuitamente e in anonimato.

    P.s.: Non risponderò più alle offese

    Pasquale Gatti

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. n.b. il sottoscritto nn è stato mai dico mai candidato in politica caro anonimo/a

    RispondiElimina
  10. "Ho notato un bell’articolo di Antonello Bonacci sulla Gazzetta di Caserta, purtroppo assurdamente e malamente tagliato"

    Caro Massimo hanno usato lo stesso metro di giudizi che usi tu nel tagliare gli interventi.

    Fa comm t fatt che ne peccat

    RispondiElimina
  11. Non penso proprio. La Gazzetta, come altri giornali, taglia per problemi di spazi, ma non tutti i cronisti sono in grado di farlo decentemente.
    Io taglio solo quando non c'è correttezza negli interventi che mirano solo ad insultare e infangare.
    Fatti oltretutto all'ombra dell'anonimato.

    RispondiElimina
  12. Io mi preoccuperei molto di più degli anonimi con nome e cognome, allorquando ne fanno effettivamente uso, ovviamente, si intende!
    Un saluto di cuore ai compianti "Franco Tiratore" e "Tesista di Primavera", alias prestanick di qualcuno con nome e cognome, allorquando non ne fa effettivamente uso, ovviamente, si intende!

    Come direbbe il simpatico Giacomino, questo post lo invio sempre con il massimo spirito di collaborazione e con la massima costruttività del caso!

    Un elettore pentito di Antonello Bonacci

    RispondiElimina
  13. All'amico Silver

    L'idea del pagellone poteva venire solo a te:)
    Comunque simpatico, anche perché mi hai trattato bene (altrimenti non lo dicevo certo...)
    solo una precisazione:il riferimento all'opposizione che ha abbandonato l'aula non è esatto.

    Solo i due di Uniti per Calvi l'hanno fatto.
    Noi di Rinascita abbiamo presenziato a tutta la discussione sul bilancio. Per quel che riguarda le risposte, sottolineo che alla nostra interrogazione sui lavori pubblici non abbiamo ricevuto risposta alcuna.
    E poi un piccolo richiamo sul parallelo Zacchia Sacchi della 3C: "Sacchi... 3!"
    Antonello

    RispondiElimina
  14. All'amico Silver

    L'idea del pagellone poteva venire solo a te:)
    Comunque simpatico, anche perché mi hai trattato bene (altrimenti non lo dicevo certo...)
    solo una precisazione:il riferimento all'opposizione che ha abbandonato l'aula non è esatto.

    Solo i due di Uniti per Calvi l'hanno fatto.
    Noi di Rinascita abbiamo presenziato a tutta la discussione sul bilancio. Per quel che riguarda le risposte, sottolineo che alla nostra interrogazione sui lavori pubblici non abbiamo ricevuto risposta alcuna.
    E poi un piccolo richiamo sul parallelo Zacchia Sacchi della 3C: "Sacchi... 3!"
    Antonello

    RispondiElimina
  15. Tutto il blog è sull'anonimato o tagli tutto o niente ... non arrampicarti sugli specchi. poi se vuoi un nome non c'è problema. Augusto. Si serio, si offende una persona nel privato, ma non quando si giudica una persona in funzione del ruolo pubblico che riveste in base all'operato pubblico che ha svolto.

    Augusto

    RispondiElimina
  16. Il Natale di Gesù di Nazareth è l'incontro tra il divino è l'umano(senza effetti speciali!): un Dio che si fa' bambino per amore dell'uomo... consegnandosi solo per AMORE. Un'incontro tra il Bambino Gesù, il Suo Natale... (nulla a che vedere con i babbo natale, con i regali ... o con la befana... questa è solo "politica" PUBBLICITARIA) è con l'uomo, con ogni uomo... quindi sono qui in questo spazio, blog, del carissimo Massimo per consegnare questo augurio di vivere in unità: con se stessi, con gli altri, con la propria famiglia, con i figli e i figli con i genitori, questa "speranza" natalizia di creare un clima di unità nella nostra amata cittadina: auguri a tutti di un sereno Natale di Gesù di Nazareth, vero Dio e vero uomo.

    RispondiElimina
  17. AMEN ! La messa è finita andate in pace !

    RispondiElimina
  18. Altra figuraccia del PD (Partito Defunto), divenuto un giocattolo nelle mani di Zacchia. Comunicati senza senso che vengono smentiti un'ora dopo dalla maggioranza con dati di fatto. Ma chi credono di prendere in giro costoro? La gente vi ha bocciato su ogni fronte: andate a lavorare invece di sporcare strade, muri, cabine e pali con la carta fosforescente.

    RispondiElimina
  19. Le foto pubblicate sul sito di Vito, così come il servizio di qualche giorno fa su Cales Channel (e mettiamoci pure il manifesto di Bonacci "E' un'immondizia") testimoniano il degrado in cui abbiamo vissuto nei 5 anni sventurati anni di malagestione Zacchia. Ed adesso all'improvviso diventano testimonial delle discariche esistenti sul territorio? Continuate pure così, e Caparco farà il sindaco fino a 100 anni.

    RispondiElimina
  20. Io voglio giocare a calcetto dove devo giocare?
    per cortesia attendo spiegazioni da maggioranza e opposizione
    o devo pensare che il campo di calcetto chiuso giovi a qualcuno?

    RispondiElimina
  21. "Nel mio mondo scarseggia l'onestà intellettuale, ma non l'intelligenza. Non sono tutti ammattiti. Vedono qualcosa che c'è. Ma quel che c'è, io non riesco a vederlo con quegli occhi lì "

    A. Baricco

    RispondiElimina
  22. Il "Re Mida al contrario" ha colpito di nuovo: questa volta sta trascinando con sè nel baratro anche il già martoriato Partito Defunto, composto in buona parte dai suoi cortigiani. Volevano fare chissà quale scoop (è dai tempi del mio bisnonno che si sa che l'area industriale della Pozzi è piena di rifiuti di ogni tipo), dimentichi del fatto che il loro Messia nulla ha fatto durante gli anni del suo mandato (nemmeno di fronte allo spettacolo imbarazzante delle strade urbane sommerse dai rifiuti) e che l'amministrazione Caparco, in pochi mesi, si è contraddistinta proprio per lo straordinaria azione di bonifica del territorio che nessuna amministrazione aveva in precedenza compiuto. Poi salta fuori anche la scomoda storia di Zacchia che vota contro lo stanziamento di 15.500 euro per ulteriori opere di bonifica! Ennesimo autogoal del Messia, che questa volta ha accomunato nelle sue consuete figuracce anche il partito del "rinnovamento" (con Damiano, Remo, Fattore e Migliozzi capirai che rinnovamento). Di questo passo il Partito Defunto non raccoglierà nemmeno duecento voti alle elezioni di marzo. Sono anzi proprio curioso di sapere se Zacchia (PD) appoggerrà Giancarlo L'arco, rappresentante designato dal partito nel collegio, o Tina Izzo candidata con l'IDV ed unica componente del suo gruppo (sarebbe più corretto parlare di coppia, visto che per fare un gruppo ci vogliono almeno tre persone).

    RispondiElimina
  23. Forza Italia dei Valori. La mia X non potrà mai andare su un partito che rappresenta il nostro truffatore presidente del consiglio Berlusconi.

    Mi dispiace per Caparco. Poteva scegliersi un altro partito.

    Ad maiora.

    RispondiElimina
  24. Tina Izzo ormai lanciata ad una sicura carriera da eurodeputata, con le sue continue trasferte a Bruxelles e la partecipazione a convegni internazionali (che brutto risveglio dai sogni di gloria avrà il 27 e 28 marzo prossimi!!!), ha dichiarato che prima delle elezioni si consumerà la sua definitiva rottura con Zacchia, da cui già adesso ha preso le distanze su prezioso suggerimento di Ermanno il quale, dopo 5 anni di comunanza, ha finalmente capito quanto deleterio sia il personaggio per tutti coloro che gli stanno vicino. Zacchia è destinato a rimanere solo soletto (insieme agli amici del Partito Defunto) in consiglio comunale, decretando la fine di quella catastrofe biblica che è stato il gruppo dei "Disuniti per distruggere Calvi".

    RispondiElimina
  25. Che peccato non vedere Zacchia candidato alle provinciali contro Caparco. Avrei tanto voluto vedere la sua faccia bastonata dopo l'ennesima sconfitta negli scontri diretti con "IL" Sindaco. Ma l'ex Messia ha dimostrato di essere sì un politicante estremamente incapace, ma non affatto sciocco: sa bene che questa preannunciata sconfitta avrebbe voluto dire la fine di ogni sua velleità politica a Calvi Risorta. Ed infatti l'unica strategia che gli resta è quella di attendere 5 anni di esilio davanti ai bar ed ai circoli, sperando solo che la gente dimentichi quanto disastrosa per il paese sia stata la sua disamministrazione e che Caparco amministri male. Purtroppo per lui entrambe le speranze sono mal riposte: nessuno dimentica cosa abbia voluto dire avere come amministratori lui e la sua banda di arroganti/incompetenti cortigiani, e tutti stanno apprezzando la bontà dell'azione della nuova amministrazione nonostante i disastri ereditati.

    RispondiElimina
  26. Che scarso Zacchia, ma quante cavolate scrive Antonello Bonacci!

    RispondiElimina
  27. Ieri ho visto Caparco presenziare e coordinare l'avvio dei lavori per la rimozione dei containers, e procurare un alloggio all'ultimo inquilino ivi presente. Ma dov'era Antonello, fautore di questo storico risultato politico grazie alle sue coraggiose "battaglie virtuali", condotte insieme a Giovanni Pera (quello dei vaneggiamenti incomprensibili dei "merli e litri d'acqua", delle "seppie e cazzi" e dei marziani) ed Aristarco Scannabue (quello che si perde tra "panchine segate" e satira spicciola)? Forse stava disperatamente bussando alla porta del comune sperando che De Vita gli aprisse facendolo assistere allo spettacolo dalla finestra; forse stava ancora cercando di capire (probabilmente è l'ultimo caleno a non saperlo) perchè i lavori di rifacimento delle strade sono ancora bloccati, o forse stava pensando a come fare per recuperare i 1.500 voti che ancora gli mancano per diventare sindaco (l'unica possibilità è una pandemia selettiva che colpisca i soli elettori di Caparco).

    RispondiElimina
  28. Mi rendo conto che da sostenitore di Caparco e MArrocco non puoi che avere confusione riguardo ai ruoli.
    Spetta all'amministrazione il "fare", il nostro ruolo è proporre e vigilare. E questo faremo gli piaccia o no.
    E' chiaro che per uno come loro è assolutamente normale che restino a terra dei containers per 25 anni! Anche le strade dovranno star così per qualche anno. Il danno è già consumato, sono SEI mesi e la colpa è loro è inutile nascondersi. Poi se vogliono darla a noi... facciano pure!
    Antonello

    RispondiElimina
  29. Guarda Antonello, sappiamo tutti che spetta all'amministrazione il fare, anche perchè Caparco ed i componenti della sua squadra sono gli unici in grado di fare.
    Sei stato tu però ad arrogarti i meriti della maggioranza sull'operazione container. Ecco un estratto di un articolo apparso sul tuo sito: "a fronte di discussioni fiume, noi del gruppo Rinascita Calena possiamo dirci soddisfatti di alcuni risultati ottenuti non senza difficoltà. Dopo numerose richieste, articoli giornalistici e interrogazioni, una nota positiva arriva dai containers. L’area sarà bonificata e i containers dismessi. Sarà procurato un alloggio grazie al diritto di precedenza che avevamo indicato esserci per chi vi dimora attualmente. Dopo lunghi anni di amministrazioni prima Caparco e poi Zacchia e procedimenti senza risultati concreti, ora sembra davvero essere in atto una rivoluzione dell’annosa questione che porterà alla realizzazione di un parcheggio nell’area retrostante la casa comunale".
    La tua versione dei 25 anni è del tutto fasulla, ma d'altronde all'epoca eri un fanciullino e magari non ricordi. Caparco è stato Sindaco dal 1994 al 2004, periodo durante il quale ha fatto rimuovere 10 containers, ha ottenuto i finanziamenti regionali per la costruzione dei 4 alloggi popolari ed ha affidato i lavori. Poi è arrivato Zacchia con quel che ne consegue. La bonifica dell'area è stato uno dei punti del programma dei 100 giorni, ideato a fine aprile quando ancora tu non sapevi se avresti fatto o meno una lista.
    Sulle strade dovresti prendertela solo con Zacchia ed i suoi tecnici confermati dal Commissario, che hanno iniziato dei lavori (quelli che persino tu hai definito come un tappetino elettorale) senza i necessari finanziamenti: ma ormai sei l'unico cittadino di Calvi Risorta ad ignorare questo fatto, o a portare avanti, a questo punto devo dire in mala fede, una tesi di comodo secondo cui la colpa sarebbe di Caparco. Sul fatto che tu vigili e proponi ho i miei dubbi, visto che non sai nulla su quello che accade in comune e non hai mai richiesto la convocazione di un solo consiglio comunale, non hai presentato una sola proposta di delibera o un emendamento a qualche atto. Hai solo un bel sito, anche se le immagini che accompagnano gli editoriali sono alquanto lugubri e angosciose.

    RispondiElimina
  30. Ma Antonello lo sa che, oltre al tappetino elettorale, oltre alle cunette prefabbricate che tanti problemi (soprattutto di facile rottura e di difficile pulizia) stanno creando e creeranno, oltre a forniture che non sono state finanziate dalla Regione e che quindi sono tutte a carico del bilancio cittadino (poltrone nel teatro degli scandali, giochi in area S. Nicola, ecc.), oltre al blocco totale dei finanziamenti da febbraio a novembre, le "menti illuminate" della passata amministarzione avevano previsto di rovinare una delle piazze più belle della provincia, come quella di Zuni fatta tutta in sanpietrini, riversandoci sopra uno strato di 2 centimentri di asfalto? A mio parere questi assurdi lavori (che non potevano essere avviati) dovevano essere proprio cancellati, mentre molti dei progettisti che vi hanno messo mano dovrebbero essere radiati dai rispettivi albi.

    RispondiElimina
  31. Ma state ancora lì a parlare di Zacchia, Ermanno, Antonello, Lombardi, Tina e compagnia cantata? Sono tutti della stessa pasta. Bravi oratori, spesso grandi chiacchieroni ma i fatti stanno a zero o sottozero. No grazie!!!!!
    Io mi tengo il mio sindaco operaio e la sua squadra di "manovali della politica", che hanno una sola parola e portano sempre a termine le cose.

    RispondiElimina
  32. Allora, la questione containers è esattamente come descritta: presenti a Calvi da 25 anni, di cui dal 1993 al 2004 sindaco Caparco, le rimozioni parziali ci sono state e mi pare anche giusto, ma una soluzione finora non sio era vista. Noi di Rinascita abbiamo affrontato il temo nei comizi, nel programma con proposte e solleciti, in consiglio (forse ai consigli non vieni perché le nostre proposte, non sempre prese in considerazione abbondano, abbiamo sollecitato di continuo e siamo fisuciosi in una soluzione definitiva al problema. Abbiamo sostenuto le deliberazioni a riguardo e penso che sollevando il problema abbiamo contribuito fattivamente. Poi giudica tu.
    Sui lavori, sono d'accordo con quanto dici sulla precedente gestione incondivisibile. Caparco in sei mesi cosa ha fatto? A me pare niente. Avrebbe potuto attivarsi con delle coperture a "tempo determinato" di bilancio per farli continuare, non l'ha fatto per un preciso intento, trascurando il paese e la sicurezza. Questi sono fatti. Poi giudica come vuoi. Noi non condividiamo affatto:
    Antonello

    RispondiElimina
  33. Una proposta per Antonello: perchè, tu ed il consigliere Zona, non mettete sul vostro sito una copia di tutti gli atti protocollati dall'8 giugno ad oggi, e di quelli che adotterete in futuro, in modo che la gente possa effettivamente valutare la bontà o meno della vostra attività di opposizione? Mi sembra una cosa coerente per chi sollecita la maggioranza affinchè attivi quanto prima il sito internet per la pubblicazione di tutti gli atti adottati.

    RispondiElimina
  34. Una proposta per la maggioranza, visto che Marrocco continua a sbraitare che la minoranza critica solo: perchè non lo fate voi un sito decente?
    Avete vinto e perciò datevi da fare.
    Vai, Antonello, che siete forti,tu e la magnifica squadra di Rinascita Calena.

    RispondiElimina
  35. Magnifica squadra? Quattro residuati bellici del gruppo dei rifondaroli, Giovanni Pera che filosofeggia, Antonello che non sa quello che accade al comune e che spara spesso delle fesserie, il consigliere Zona che fa da spalla ad Antonello, Cassio (l'unica testa realmente pensante) che viene rispolverato solo in campagna elettorale, ed altre non meglio identificate comparse.
    Sono proprio curioso di sapere con quali argomenti vi presenterete nella campagna elettorale di marzo, per la quale Antonello (convinto forse a partecipare dalla scarsa presenza di candidati di sinistra) ha già iniziato a chiedere i voti.
    Scommettiamo che non arriva nemmeno al risultato del 2005?

    RispondiElimina
  36. scommettiamo morite dalla paura che Caparco perde perchè non c'è lo spettro di Zacchia a frenare la gente? Scommettiamo che Antonello prende più voti del cric?

    RispondiElimina
  37. ma non doveva candidarsi Lello De vita?
    silurato da Caparco?

    RispondiElimina
  38. io scommetto tutto quello che volete sul fatto che caparco doppia sia antonello che tina.
    datevi una regolata e non esagerate. ma come fate ad avere tutta questa presunzione. ma vi rendete conto che il sindaco caparco è l'unico che si occupa del comune di Clvi dalla mattina alla sera. ma tu antonello dove sei quando caparco gira nella sua smart per verificare che tutto proceda bene e in ogni caso pronto ad intervenire qulora ci fosse bisogno????
    la cosa più bella è quando si attribuisce con onesta all'avversario politico una capacità. voi di rinascita calena vi attribuitea ddirittura il merito di aver rimosso i container.
    siete ridicoli, presuntuosi e arroganti. ciao a tutti

    RispondiElimina
  39. io scommetto tutto quello che volete sul fatto che caparco doppia sia antonello che tina.
    datevi una regolata e non esagerate. ma come fate ad avere tutta questa presunzione. ma vi rendete conto che il sindaco caparco è l'unico che si occupa del comune di Clvi dalla mattina alla sera. ma tu antonello dove sei quando caparco gira nella sua smart per verificare che tutto proceda bene e in ogni caso pronto ad intervenire qulora ci fosse bisogno????
    la cosa più bella è quando si attribuisce con onesta all'avversario politico una capacità. voi di rinascita calena vi attribuitea ddirittura il merito di aver rimosso i container.
    siete ridicoli, presuntuosi e arroganti. ciao a tutti

    RispondiElimina
  40. il nostro supereroe e la sua smartmobile

    RispondiElimina
  41. Adesso inizia pure Antonello con gli esposti in Procura. Allora è proprio vero quello che diceva dalle pagine del suo sito: sono tutti della stessa pasta! Solo che intendeva parlare forse di se stesso e di Zacchia. A proposito, a quando è fissata la data del trasbordo di Giovanni Pera su qualche isolato pianeta della più recondita galassia dell’universo? Gli auguriamo sin d'ora un buon viaggio di sola andata.

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.