CIAO, ANDREINO

Sono stato fuori per lavoro questi ultimi giorni ed al ritorno ho trovato la notizia della scomparsa di un mio caro amico, Andreino D’Onofrio.

Di lui, e con lui, ho ricordi incancellabili, che risalgono al tempo della mitica squadra del Moccia Calvi che, insieme ad Alessandro Fattore, Andreino curava con un amore e una passione che non potevano non coinvolgerti.

Al punto che, insieme ad alcuni miei compagni romani, la domenica mattina venivamo a Calvi a difendere i colori del Moccia Calvi.

Eravamo tutti più giovani, ovviamente, ma pieni di entusiasmo e passione che oggi, mi duole dirlo, è difficile trovare nei ragazzi di oggi.

Spesso la nostra paga era costituita solo da un caffè, al posto del rimborso del carburante, ma della cosa non ci importava veramente di nulla.

La prima categoria dove militava la squadra di Andreino ed Alessandro era allora molto seguita e la curiosità di vedere i “romani” all’opera aumentava il numero dei tifosi. 

Nelle poche, ma corrusche e sentite partite che ci videro protagonisti, conoscemmo molti amici che ancora oggi si ricordano e ci ricordano di quel glorioso se pur breve passato, di cui parlano come fosse ieri e non accadimenti di più di trenta anni fa.

Andreino è stato anche politico fine e preparato, sempre disposto ad aiutare chiunque ne avesse bisogno e nel suo ruolo di sindaco non ha mai utilizzato il metro delle simpatie e antipatie personali. Si sentiva solo e unicamente il sindaco di tutti i caleni.

Spiace che nessuno dei tanti frequentatori del blog abbia pensato di dedicargli un pensiero, lui che avrebbe ben potuto ancora insegnare tante cose dell’arte della politica, che ha saputo interpretare al meglio, al di là di tanti protagonisti, o presunti tali, di oggi che in realtà sguazzano in uno stagno fangoso pensando di nuotare nell’oceano.

Ciao, Andreino, e grazie ancora di tutto quello che ci hai insegnato.

Mi piace di immaginarti, oggi, insieme al tuo inseparabile amico Alessandro, mentre forse pensate di organizzare ancora una squadra, parlando e discutendo dei tanti problemi dello sport e della vita.  

Commenti

  1. Sentite condoglianze a tutta la famiglia D'Onofrio. Non ho avuto modo di conoscere Andreino, ma anche mio padre me ne ha parlato ottimamente.

    Claudio De Lucia
    www.calvirisorta.com

    RispondiElimina
  2. I giovani di oggi, tanto frastornati dai rumori del presente, non colgono -purtroppo!-l'insegnamento di queste persone che pure hanno dato molto alla nostra comunità.
    E quando la memoria storica viene così facilmente dissolvendosi, ancor di più occorre impegnarsi, tutti assieme, per indicare con forza alle giovani generazioni i riferimenti solidi del nostro andare, altrimenti appare ineluttabile lo smarrimento lungo il percorso e prossima la rovinosa caduta.
    Grazie ad Andreino, quindi, per tutto quello che ha saputo dare alla nostra Calvi e grazie anche a te che bene hai fatto a ricordarci la figura dell'amico che ci ha preceduti alla meta, nella prospettiva anche di sollecitare i giovani ad un più serio, gratuito ervizio.

    RispondiElimina
  3. I familiari di Andrea D'Onofrio ringraziano di cuore tutti coloro che stanno facendo sentire il loro affetto e la loro vicinanza

    RispondiElimina
  4. Andreino rimarrai sempre nei cuori dei caleni x tutto quello ke hai fatto, la tua bontà nn verrà mai dimentikata!!!! sei stato un GRANDE....

    RispondiElimina
  5. Caro Antonello Bonacci,
    dopo aver letto il tuo ennesimo comunicato stampa inviato alla redazione della nuova gazzetta di Caserta, ti invito, a prendere visione della delibera n°11 del 29-06-2009 (del nuovo responsabile dell’ufficio tecnico del comune di Calvi Risorta) oppure della delibera n°13 del 29 06 2009 dove e stato nominato il nuovo nucleo di valutazione del comune di Calvi Risorta. Fai più attenzione nella diffusione di notizie. Un bacio come dicevo un ex sindaco e mai più sindaco di Calvi Risorta.


    Calvi Risorta 07 Luglio 2009 ore 13:33

    Vito Taffuri

    redazione@calvirisortanews.it

    RispondiElimina
  6. Rispondo a Massimo Zona

    Mi sono documentato in effetti, il risarcimento era in merito al tuo distributore di benzina. La mia polemica però resta e ti dico perché : hai avuto quattro anni e più per richiederli, non capisco però perché hai atteso solo adesso che ritornasse il Sindaco Antonio Caparco, forse al tuo compare non potevi fare certe richieste??? Visto, che ti ha concesso altro fuori confine???
    Caro Massimo, la richiesta e grossa si parla di circa di tre milioni di euro .... a questo punto mi chiedevo ma, tu gli hai guadagnati e dichiarati al fisco tutti questi milioni di euro in quattro anni e mezzo??? Caro massimo con affetto e stima ti auguro buon lavoro.

    Calvi Risorta 07 Luglio 2009

    Vito Taffuri

    RispondiElimina
  7. Saluto con affetto e stima il fotografo ufficiale di Disuniti per Cales.... un certo “Kodak“ Spero che sono venuto bene nelle foto. Per diritto di cronaca: il signor Taffuri Vito, fa parte del gruppo di lavoro per il Carnevale 2009, quindi posso accedere in qualsiasi momento nella sala consiliare insieme ad altri componenti. Quindi risparmiatevi i rullini, che a breve potrebbero servire per qualcuno altro, (Caso Polivalente, “ General Impianti di Pasquale Setola”). ( questa sera 07 Luglio 2009 alle ore 20:30 c’e la prima riunione se volete appostatevi e fotografateci vi aspettiamo.


    Vito Taffuri
    redazione@calvirisortanews.it

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.