IL RIVOLO DI PEZZASECCA

"Il rivolo della Pezza se ne andava varro varro!” così un bambino di tanti anni fa descriveva il rivolo che attraversa Calvi Risorta e si congiunge poi con quello di Visciano sulla nazionale che a sua volta raccoglie tanti reflui.
Si era molti anni prima che il maestro D’Orta scrivesse “Io speriamo che me la cavo” godendo degli strafalcioni dei propri alunni; la vecchia maestra del nostro bambino si adoperò invece per spiegare pazientemente all’alunno la differenza tra dialetto e italiano.
Da allora si sono succedute molteplici amministrazioni, ma nessuna di loro ha provveduto alla sistemazione delle rete fognaria dotandola di depuratori idonei allo smaltimento totale dei reflui cittadini.
E non appena comincia a fare caldo immediatamente si avverte, passando sulla Casilina, l’odore forte di escrementi umani in decomposizione in quel fosso che è diventato una fogna a cielo aperto. Tant’è che molti automobilisti non hanno neppure bisogno di scorgere il cartello indicatore della cittadina, essendo sufficiente l’olfatto ad avvertirli che stanno transitando sul territorio di Calvi Risorta.
Essere famosi sul territorio per essere una cittadina puzzolente dovrebbe invogliare tutti a risolvere l’annoso problema anche perché, a ben vedere, non esistono problemi irrisolvibili.
Restano problemi irrisolvibili solo quelli cui nessuno mette mano a risolverli.

Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Caro Massimo, questo a mio avviso è uno dei post più interessanti che hai pubblicato, perchè parla di problemi reali che nessuna amministrazione ha saputo e voluto affrontare. Eppure hai visto che a parte un commento per di più fuorviante,e che hai fatto bene a cancellare, nessuno ha ritenuto di partecipare ad una discussione. Ciò la dice lunga sulla serietà dei caleni, portati più all'inciucio che ai fatti, al pettegolezzo che all'analisi, al nulla che al concreto. Sarebbe ora che qualcuno mettesse mano allo spartito di questa cittadina cercando di cambiare la musica, perchè hai voglia a cambiare i musicanti se la musica è sempre la stessa.
    Un caleno deluso, ma deluso assai.

    RispondiElimina
  3. questa sera siete tutti invitati al famoso ristorante da Italo a Formia,,,,,,,,,,

    RispondiElimina
  4. ieri sera grande riunione di mangiatori di cozze, i che accattoni.............

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.