ARRIVA LA QUARTA LISTA ! ! ! !

I segni premonitori c’erano stati, l’ultimo dei quali rappresentato dall’uscita dal consiglio comunale, che ha portato all’annullamento dello stesso per sopravvenuta mancanza del numero legale.
Così Ermanno Izzo pare avere finalmente deciso la strada da imboccare e che lo porterà alla formazione di una lista da lui capeggiata.
Con questa, perciò, le liste sicure diventano quattro, a meno di raggruppamenti o accorpamenti dell’ultima ora.

Commenti

  1. Anche a me risulta che Ermanno stia lavorando per formare e guidare una quarta lista, che potrebbe comprendere Antonello ed il suo gruppo, fortemente restio ad un'alleanza con Lombardi, e Gabriella Perrotta. D'altronde gli elogi di Antonello nei confronti di Ermanno, il quale "potrebbe dare il suo contributo inserito in un giusto contesto", non sono puramente casuali.
    Ma alla fine credo che tutto ciò gli serva solo per contrattare meglio, a livello politico s'intende, con Tizio o con Caio.
    Certo è che mandare segnali inequivocabili a Zacchia - come far mancare il numero legale, facendo così sciogliere la seduta del consiglio - continuando tuttavia a rimanere (e quindi sostanzialmente a tenere in vita) questa fallimentare amministrazione è una gran bella contraddizione! Perchè non dà più semplicemente le dimissioni, dichiarandosi in dissacordo su tutta la linea Zacchia? Solo così potrebbe riacquistare punti e proporsi, con una certa credibilità, alla carica di sindaco. Restare invece fino all'ultimo giorno non può che procurargli una lenta "morte politica". Ma vedrete che già dal prossimo consiglio, dopo intense riunioni notturne, il nostro assessore rientrerà nuovamente nei ranghi, richiamato all'ordine e degradato ancora una volta al ruolo di alzamano.

    RispondiElimina
  2. ermanno sta facendo questa manovra oer avere visibilità personale e alzare le sue quotazioni presso caparco. Non prestatevi al suo gioco

    RispondiElimina
  3. Se Ermanno potesse scegliere tra fare il sindaco o l'assessore, non ci penserebbe su nemmeno un secondo: sceglierebbe sempre l'assessorato. La sua personale storia politica dimostra ciò.
    Ora la sceneggiata messa in atto da Ermanno nell'ultimo consiglio, dal mio punto di vista, gli serviva solo per il lancio promozionale di questa sua iniziativa, ben sapendo quale risalto mediatico avrebbe dato alla succosa notizia il buon Vito, sempre a caccia dello scoop. Al contempo ha la possibilità di ammorbidire l'amministrazione nei confronti, forse, di alcune sue richieste non esaudite: di fatto Ermanno restareà in amministrazione fino all'ultimo minuto, perchè se ne avesse voluto causare la caduta, già da tempo avrebbe potuto farlo insieme agli 8consiglieri di minoranza. E se non avesse voluto farlo direttamente, avrebbe potuto rassegnare benissimo le proprie dimissioni da consigliere, facendo subentrare Silver Mele, che nel giro di un secondo netto avrebbe fatto cadere l'amministrazione.
    Ciò detto, da vero genio del marketing politico locale quale è, ha ora iniziato questa opera di promozione di una lista che non ha, a parte un paio di elementi sempre pronti a seguirlo dappertutto, solo per avere visibilità presso Caparco, che sa benissimo essere vincente, in cerca della riconferma del suo assessorato o del lancio alla provincia, dopo la tremenda beffa del 2005 quando il sindaco, con artefizi politici vari,gli soffiò la candidatura promessa l'anno precedente. Questo è tutto.

    RispondiElimina
  4. Mi risulta che già sia stata siglata la pace tra Ermanno e l'amministrazione (anche se non so quali siano i termini del trattato di pace): vedrete che al prossimo consiglio non solo presenzierà, ma sarà il primo a votare ad occhi chiusi qualsiasi delibera.
    La rivoluzione di Ermanno è durata dunque ancor meno di quella di Piero nell'estate del 2007.
    Se le nostre speranze di cambiamento sono riposte in questi "pavidi attori" siamo rovinati!

    RispondiElimina
  5. Izzo Ermanno è un bravo professionista ma come politico vale meno di zero!

    Non si è mai fatto valere ed è un peccato. Giovane, brillante, ma senza palle...

    RispondiElimina
  6. Ermanno: per carità!
    A 41 anni suonati non è ancora riuscito a ritagliarsi un ruolo chiaro nella politica locale, o forse i cittadini non hanno ancora capito cosa voglia fare da grande, proprio in ragione della sua indecifrabile ambiguità che ha sinceramente stancato, mentre lui pare voglia solo pavoneggiarsi ed avere una certa visibilità, coltivando il suo piccolo orticello (il suo orizzonte politico non andrà mai oltre la “Festa degli anziani” o le “Cure termali”).
    Bravo è senza dubbio bravo (l’aggettivo “brillante” lo utilizzerei per caleni di ben altra caratura, quali il DOTTORE Fabio Zona ed il DOTTORE Antonio Inforzato). In quanto a tempra, carattere e leadership gli darei invece un meno 10.
    Quale affidamento si può dare ad un assessore che si assenta sistematicamente quando in giunta si approvano delibere di dubbia utilità per il paese o, peggio ancora, di dubbia legittimità: ed un minuto dopo la loro approvazione è già pronto a criticare e delegittimare, pesantemente e pubblicamente, la giunta di cui fa parte (spesso affermando che ha mandato il paese allo sfascio), senza mai però rassegnare le dimissioni da assessore, pago forse di qualche briciola o contentino politico che potrebbe piovergli tra le mani. In tale prospettiva, secondo me, va letta anche la sua uscita dall’ultimo consiglio comunale: vedrete che già dal prossimo consiglio sarà il primo ad entrare e l’ultimo ad uscire, votando sempre favorevolmente.
    Ma le critiche a questa giunta fanno parte dell’opera di riciclaggio che generalmente Ermanno inizia un anno prima delle elezioni (non è mai rimasto due volte nella stessa coalizione, e spesso nemmeno per un intero mandato), per offrirsi due ore prima la chiusura delle liste al migliore offerente, forte del suo pacchetto di voti e sicuro di avere, proprio per questo, comunque qualche corteggiatore.
    Lombardi ed AN mi risulta infatti che gli stiano facendo una corte spietata per portarlo dalla propria parte (non so come potrebbero poi parlare di serietà e coerenza, e criticare l'operato della giunta Zacchia in campagna elettorale avendo in lista uno dei principali assessori di quella compagine amministrativa). Per la risposta dovranno in ogni caso attendere fino a metà maggio del 2009, ma se sperano di sviluppare il territorio con simili elementi hanno perso la sfida del rinnovamento prima ancora di iniziarla.
    Se Ermanno si tenesse fuori dalla competizione ed abbandonasse la politica, secondo me il paese non potrebbe che giovarsene, anche se lo dico con un certo rammarico perché le potenzialità le aveva ma non le ha mai sapute mettere in mostra in questi 20 anni!

    RispondiElimina
  7. Caro anonimo non tanto anonimo, invece di buttare fango su nomi che nemmeno conosci celandoti dietro l'anonimato(il coraggio non è certo una tua virtù), informati meglio su talune faccende amministrative prima di sparare cazzate. La corte ad Ermanno la stanno facendo i "cricco's boys".
    Piero D.G.

    RispondiElimina
  8. Ermanno, così come tutti gli altri 8 consiglieri di maggioranza, è nell'elenco degli esclusi in via categorica e definitiva dalla lista di Caparco e Marrocco. Informati meglio!
    Tale clausola fa addirittura parte integrante di un accordo scritto. Ma in fondo che ne sapete voi, Lombardi's little boys! Se riuscite a chiudere questa listarella è già un miracolo.
    Marco D.G.

    RispondiElimina
  9. ...segue
    La verità è che Ermanno è moderatamente corteggiato da Zacchia e spietatmente corteggiato da Lombardi: ma in entrambi i casi non ricambia tanto "affetto", perchè non vuole certo andare incontro a sconfitta certa.
    E' invece lui a lanciare segnali inequivocabili verso Caparco che però nemmeno lo pensa, sia in ragione della sua forza schiacciante che in virtù del menzionato accordo.
    Questo è il mio ultimo messaggio su questo blog: d'ora in poi vi lascerò tutto lo spazio necessario per autocelebrarvi e crogoiolarvi nelle vostre false illusioni. Addio!
    P.S.: perchè non avete fatto valere tutti i voti che millantate nelle elezioni regionali del 2005, quando avete raggiunto l'irrisoria quota di 725 voti?

    Marco D.G.

    RispondiElimina
  10. voci di paese riferiscono che marocco e il krik sono andati dal notaio a firmare l'accordo... se vi sembra il modo di fare politica!!! si fidano entrambiah ah ah ... fate ridere

    RispondiElimina
  11. Martedì 9 Settembre 2008

    Circolo Democratico lancia referendum alleanze elettorali

    POLITICA | Calvi R. – Il Circolo Democratico di Calvi Risorta è davvero democratico, almeno per ciò che riguarda le future alleanze elettorali. Il Segretario Enzo Scarano, infatti, lancia una iniziativa unica nel suo genere : 'Con chi stare?' è il nome del referendum sul futuro politico del Circolo. Sarà la base degli iscritti e dei simpatizzanti, in effetti, a decidere con chi allearsi per le prossime elezioni amministrative. Sul tavolo 4 possibili alternative: aderire alla lista Zacchia, a quella di Caparco o Lombardi oppure preparare una lista autonoma. Scartata, anche tra le possibili alternative da votare l'eventualità di una lista di Ermanno Izzo, ritenuta fortemente improbabile.
    "Siamo in un periodo di forti rimescolamenti elettorali e noi- afferma Enzo Scarano- vogliamo essere della partita. Non ci sono al momento delle liste che ci entusiasmino, ognuna di esse presenta i punti deboli e peccati originali. Possiamo pensare di scegliere la meno peggio e provare a migliorarla dall'interno oppure possiamo rimanere fuori, conservare la nostra verginità morale e puntare ad uno scranno nell'opposizione con una nostra lista per continuare a far politica dall'interno. La scelta finale la decideranno i nostri sostenitori venendo al bar degli amici di Visciano ed esprimendo il loro orientamento."
    Precisa poi Bonacci –" Possiamo pensare di stare con Zacchia per maggiore affinità politica ma è indubbio che il nostro giudizio sul suo operato non è positivo, con Caparci ci sono maggiori divergenze politiche anche se c'è un certo pragmatismo di fondo che ci accomuna, stesso discorso per Lombardi. Che dire poi di Ermanno Izzo?Come dicono le sacre scritture : stolto è chi inciampa due volte nella stessa pietra."

    RispondiElimina
  12. Per Antonello:
    ma se avete già deciso di allearvi con Lombardi perchè organizzare la farsa del referendum? Per poter dire che è stata la gente a volere tale alleanza?
    A proposito: quando si dovrebbe tenere il referendum? Non è detto nel comunicato.

    RispondiElimina
  13. Dimenticavo. Potevate ridurre a due le opzioni (Lombardi o da soli) visto che nè Zacchia nè Caparco hanno posti disponibili in lista.

    RispondiElimina
  14. "Stolto è chi inciampa due volte nella stessa pietra". Citazione di un certo rilievo, bravo Antonello

    RispondiElimina
  15. Finalmento questo fantomatico cervello fumante ha deciso di non scrivere più cavolate sul blog. Speriamo che la sua non sia una promessa simile a quelle che fanno i suoi punti di riferimento!

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.