EMIGRAZIONE: LA VIGLIACCHERIA DEI NOSTRI TEMPI!

Nella mia casella postale arrivano spesso messaggi anche anonimi, che riguardano argomenti per lo più trattati sul blog da gente che non ritiene di pubblicare le proprie osservazioni.
Ultimamente, è più di una settimana ormai, ho ricevuto la mail seguente che ho deciso di pubblicare per intero.
Sono le esternazioni di un giovane, che non conosco, ma che ritengo valgano la pena di essere divulgate.

“E' una riflessione che vado maturando da tempo, ne ho discusso molte volte con chi ha vissuto esperienze simili alle mie, e ultimamente, a seguito di una predica da parte di un prete di frontiera a riguardo di un bene confiscato alla camorra, ne sono ancora più convinto.
Parlo, a scanso di equivoci, del fenomeno dell'emigrazione interna, quella giovanile, non di quella motivata da stringenti necessità, ma di quella dei figli di papà che possono permettersi di andare a studiare a nord del Garigliano.
Credo che questa necessità, quella di andare a studiare al nord, sia per molti giovani del nostro territorio una semplice scusa per fuggire dalle nostre terre, per scegliere la via larga invece di quella stretta e tortuosa che aspetta chi sceglie di vivere da queste parti.
E in questo i genitori, consapevolmente o inconsapevolmente, sono complici, perchè nell'ansia di offrire ai propri figli una prospettiva di futuro migliore, non si accorgono o non gli importa di lasciare impoverire il territorio che li ha sfamati per generazioni.
Il problema è proprio questo: la nostra terra si sta inaridendo, desertificando culturalmente, proprio perchè le nostre migliori risorse vanno a fare ricche tante altre città, inseguendo la chimera del lavoro, dell'università (quella buona!) e di una vita diversa e migliore rispetto alla nostra.
Se questa non è vigliaccheria, sicuramente è egoismo, perchè nell'andare via, nel cercare fortuna altrove, non per necessità, si badi bene, ma per cercare il meglio per sé, non si pensa affatto a ciò che si lascia: una terra in balìa degli scarti, dei fetenti di ogni razza, dei mediocri, di chi si adegua, di chi vivacchia all'ombra del potente di turno.
Allora, se dopo tanti anni siamo ancora punto e daccapo, se la camorra ancora impera, se la politica è collusa, se il malaffare è all'ordine del giorno, se la cultura della legalità stenta a trovare terreno fertile su cui germogliare, allora non è solo colpa di chi rimane, cari emigrati intellettuali!
Sentitevene il peso sulle spalle, tutto quanto!
Il peso di avere abbandonato il fronte, di avere disertato, di avere voltato le spalle e di essere scappati, gettando lo scudo.
Per nostra, e vostra fortuna, c’è ancora qualcuno che non se la sente di partire e resta qui, sentinella di frontiera, a farsi il mazzo anche per voi, ad arare il campo e a seminare, contro vento, contro tutto e tutti, per permettere a voi di fare i signori su a nord, voi che tra qualche anno voterete sicuramente Lega tentando di assimilare l’accento dei luoghi per timore di essere riconosciuti.
E quanto ci rode il vedere questo emigrante intellettuale medio, che scende per le feste comandate, quando ha tempo, beninteso, con la puzza sotto al naso, con in bocca un'altra inflessione, senza sentimenti di nostalgia, con la presunzione intellettuale che porta la città rispetto al “paese”!
Li senti affermare che loro si sentono cittadini del mondo, ma invece abitano solo loro stessi e il loro egoismo.
Che differenza con i veri emigranti, quelli per fame! Quelli che andavano in Svizzera, in Inghilterra, in Argentina, in America, in Canada...
Loro ritornano, appena possono, con le lacrime agli occhi, pensando al tempo che fu, vedendo la loro terra ancora bella, ancora affascinante, sentendola ancora propria, nonostante il distacco e il tempo, sentendosi soprattutto ancora parte di essa, figli della stessa storia.
Mi riesce difficile pensare che le tanti menti brillanti che ho conosciuto, che gli animi nobili con i quali ho condiviso anni della mia vita, siano adesso stimati professionisti dell'anonima provincia nordica, intenti solo a cullarsi sugli allori di un posto conquistato con il sudore, quello dei propri genitori.
E intanto, da noi, il deserto avanza.
E' sempre lo stesso problema, di chi segue la via (al nord ci sono i servizi, l'università funziona, si trova il lavoro, il lavoro non è in nero ma è tutto pulito, i treni arrivano in orario...) e di chi la via la crea: di chi lotta contro la corruzione, contro il pizzo, contro il politico corrotto, contro l'ignoranza, il clientelismo, l'arretratezza culturale, la disorganizzazione, il disservizio.
Chi se n'è andato, chi ci ha tradito, ha semplicemente scelto di andare là dove il diritto è diritto e il dovere è dovere, preferendo lasciare agli altri la lotta di liberazione dove il diritto è favore e il dovere è atto di servile sottomissione.
Qui c'è un popolo la cui dignità è costantemente calpestata, ma la colpa non è solo di chi schiaccia il calcagno, ma soprattutto di chi può evitarlo e si gira dall'altra parte facendo finta di non vedere.
Che dire di più, l'indignazione è tanta e la speranza è poca, perchè, per chi è rimasto in prima linea, la desistenza dei migliori che se ne vanno ha aperto un altro fronte, stavolta alle spalle.
Resto convinto che se si è nati in un posto piuttosto che in un altro dipende sicuramente da un motivo, e bisogna riconoscerlo, accettarlo e trovarne le motivazione per andare fino in fondo alla propria vocazione.
Se, quindi, c'è una disposizione della Provvidenza, allora bisognerà prima o poi darne conto, in questa vita o nell'altra.

Verrà un giorno... e io non vorrò essere nei vostri panni, in quel momento.”

Commenti

  1. Caro Massimo, oggi consiglio comunale importante per le note vicende,dopo la cacciata dell'ex Vicesindaco e Traditore incallito Marrocco Giovanni e Dell'ex Assessore Nicola Cipro,dopo le nuove nomine fatte dal sindaco caparco, quali scenari politici si apriranno?questo è il quesito che devi sottoporre ai cittadini Caleni. baci

    RispondiElimina
  2. Caro Massimo, oggi consiglio comunale importante per le note vicende,dopo la cacciata dell'ex Vicesindaco e Traditore incallito Marrocco Giovanni e Dell'ex Assessore Nicola Cipro,dopo le nuove nomine fatte dal sindaco caparco, quali scenari politici si apriranno?questo è il quesito che devi sottoporre ai cittadini Caleni. baci

    RispondiElimina
  3. Comprensibile lo sfogo.
    Ma miope il ragionamento.

    RispondiElimina
  4. Novità dal Consiglio Comunale?

    RispondiElimina
  5. Racconta questa storiellina a chi è andato al nord a lavorare per guadagnare 1000 euro al mese e vedi cosa ne pensa ! Pensi sia felice ? Pensi sia contento di aver lasciato la propria terra e i propri affetti ? Pensi sia orgoglioso di sentirsi definire "traditore, disertore" ?

    Ho la fortuna di poter lavorare qui, ma sono stato al nord a lavorare anche io per "mille euro al mese". E posso dirti che, seppur con tanta malinconia in corpo, nonostante la nostalgia di non avere vicino i miei cari, non mi sono sentito nè traditore nè disertore, ma solo tanto orgoglioso e motivato perchè per la prima volta in vita mia avevo un contratto, dei diritti e uno stipendio, dopo anni di sfruttamento e di sofferenza qui al "sud Italia".

    E se non mi fosse capitato un lavoro migliore, per fortuna qui vicino casa, sarei ancora una persona appagata, proprio lì, nel nord Italia.

    Senza rancori, è solo la mia esperienza diretta.

    Un abbraccio al caro Massimo.

    Claudio De Lucia
    www.calvirisorta.com

    RispondiElimina
  6. Tanto di rispetto per gli emigranti "per fame" o meglio per necessità.
    Ma penso che il giovane in questione non si riferisse a questo tipo di emigranti, caro Claudio.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. Nel testo l'autore ha inserito anche coloro che vanno via per lavoro.

    "...Il problema è proprio questo: la nostra terra si sta inaridendo, desertificando culturalmente, proprio perchè le nostre migliori risorse vanno a fare ricche tante altre città, inseguendo la chimera del lavoro, dell'università (quella buona!) e di una vita diversa e migliore rispetto alla nostra.
    Se questa non è vigliaccheria, sicuramente è egoismo..."

    Io credo che, a parte rari casi, se una persona decide di andare via è solo ed esclusivamente per necessità e per migliorare se stessa. Nessuno, a mio avviso, penserebbe di lasciare gli affetti, i propri cari, la famiglia, la fidanzata, le proprie radici, le proprie abitudini, semplicemente "per sfizio" o perchè "figlio di papà".

    La maggior parte dei nostri conterranei va via perchè spinto dalla necessità di trovare lavoro, di conseguire degli ottimi livelli culturali in un'università migliore, dove si fa ricerca, dove i servizi sono migliori.

    Caro Massimo (e mi permetterai di rivolgermi a te dato che sei uno dei pochi "non anonimi" in questo blog) guardati intorno. I figli di papà, stanno qui a grattarsi gli attributi, a fare i buffoni con il macchinone in giro per il paese, con la manina fuori il finestrino e con la sigaretta in bocca stile "guappo di Casoria".

    Persone che non hanno un minimo di cultura (e non parlo di titoli di studio chiaramente), parlo di un minimo di cultura personale, quella semplice cuorisità di capire e di conoscere ciò che accade intorno a noi.

    Caro Massimo, di questa gente dobbiamo preoccuparci e, purtroppo per noi, sono proprio loro che non decidono di andar via.

    Ti abbraccio e grazie per lo spazio che ci metti a disposizione.

    Claudio De Lucia
    www.calvirisorta.com

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  10. Anche io in modo diverso ho vissuto un'esprienza in Trentino Alto Adige! Una REGIONE AUTONOMA come altre che regolano la loro vita economica e amministrativa in modo ottimale... ma non è la perfezione... anche lì c'erano problematiche sociali: legate all'inerculturalità diversa (non legata solo al nord sud!) ma alle tante "etnie" "lingue" presenti (basti pensare che Trento e la Valsugana "sono i terroni del Tirolo" ... detto tra noi non siamo solo noi del sud i terroni!!! noi potremmo dire tanto della nostra terra bruciata dalle fughe per lavoro... ma anche al nord ci sono spostamenti di masse... credo che ci vuole un'impegno di tutti gli italiani dal Tirolo fino giù, giù all'ultimo villaggio del nostro meraviglioso PAESE l'ITALIA perchè tutti nesuno escluso sia sereno nel vissuto di ogni giorno! essere ottimisti e sereni e tutto inizierà ad essere diverso anche per, citare l'amico Claudio De Lucia, che condivido come riflessione, "I figli di papà, (che non solo ) stanno qui a grattarsi gli attributi, a fare i buffoni con il macchinone in giro per il paese, con la manina fuori il finestrino e con la sigaretta in bocca stile "guappo di Casoria"...!(... il bello che anche se sono stati installati i dossi cosa buona e ben fatta per l'alta digiribilità del cibo e forse a qualcuno possono venire anche dolori di emorroidi... niente di scandaloso per nessuno se uso questi termini... ma era proprio necessario mettere questi dossi non si era parlato di installazione di videocamere per il Paese Caleno... questi personaggi continuanoa fare i guappi) quindi come Claudio ben dice e anch'io lo sottoscrivo gli anonimi-alieni del blog se firmassero i loro interventi già saremmo a un buon punto di levatura culturale e intellettuale ... ciao

    RispondiElimina
  11. chiedo scusa al curatore del blog sig. Massimo Zona, se vuole è nelle sue facoltà di eliminare il mio commento non attinente al tema della discussione, ma io non offendo nessuno. Ho assistito a parte del Consiglio Comunale di oggi e la cosa che più mi ha colpito è stata l'assenza di Marrocco proprio nella discussione che riguardava le sue vicende politiche. Non ho capito se la sua assenza sia stata strategica , per non rispondere alle accuse lanciategli contro da Silvestro Mele ,o la sua sia stata paura perchè ha qualcosa da nascondere e questo sarebbe molto grave.Il "povero" Nicola Cipro e' stato lasciato solo dal suo sodale .Meno male che le opposizioni lo hanno supportato. Antonello ha fatto come si suol dire dalle nostre parti "marc e matelene"cioè ha strizzato un occhio alla maggioranza e uno all'opposizione (aspetta qualche proposta allettante da Caparco?....VICEPRESIDENTE DEL CONSIGLIO... é arrivato secondo) Ermanno ha fatto il suo intervento in politichese ed é finito li'. L'unico che ha fatto un intervento per non far finire la cosa a "tarallucci e vino" é stato Giacomo Zacchia che ha fatto allegare agli atti del Consiglio un dossier circostanziato su tutte le cose che sono state scritte sull'argomento,affinché se c'erano notizie che configurano reati l'Autorità Giudiziaria faccia i dovuti accertamenti. Non sono stato elettore di Giacomo Zacchia ma visto la sua coerenza la prossima elezione se si canditerà avrà tutto il mio appoggio. Scusatemi se sono stato lungo ma è meglio che quel che viene discusso in Consiglio Comunale sia noto a quanti piu' cittadini possibili.

    RispondiElimina
  12. Il traditore Marrocco è scappato, in più di un mese non ha avuto il coraggio di farci sapere qualcosa in merito alla sua cacciata, ieri in consiglio comunale arrivato al clou è scappato lasciando solo Nicola Cipro a difenderlo. Ieri è stata la prima volta che sono andato ad assistere a un consiglio comunale, alla fine mi è sorto un dubbio, ma Antonello Bonacci è in maggioranza???

    RispondiElimina
  13. caro anonimo delle 01,37 mi sa che non eri in consiglio comunale, ma ti trovavi altrove, a me risulta che il consigliere cipro ha detto al sindaco e a silver di dargli spiegazioni in merito alle cambiali da lui e marrocco firmate a qualcuno, ma a quanto mi risulta non ci sono state risposte. In merito a marrocco, mi risulta che con il suo intervento ha risposto punto per punto alle motivazione che il sindaco ha dato in merito alla revoca-Quindi se eri presente ed eri attento avrai notato che le risposte date dalla maggioranza sono state tutte molto evasive senza entrare nel merito.Non è nessuna polemica nei tuoi confronti, ma almeno diciamo quello che è veramente accaduto. Scusami massimo per l'intervento non attinente-

    RispondiElimina
  14. per gli anonimi "01.37" e "08.02", io ho assistito al consiglio comunale, cosa che voi non avete fatto. MARROCCO ha spiegato i motivi per cui e' stato cacciato e se, vi e' sfuggito qualche particolare andate sul sito
    WWW.CALVIRISORTANEWS.IT
    chiedo scusa a Massimo e al popolo del blog per il mio intervento che non e' attinente all'argomento.

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  16. caro massimo qualunque sia l'argomento della discussione si finisce sempre a parlare di politica.la cosa importante e' nn offendere nessuno e fare critiche obiettive e costruttive.

    RispondiElimina
  17. Per l’anonimo delle 14:01, il dr. Marrocco ha ribattuto, punto per punto, alle motivazioni date dal Sindaco nella lettera di revoca assessoriale. Dalle motivazioni date si evince chiaramente l'attuale incompatibilità politica e di modalità della gestione della cosa pubblica che esiste tra il dr. Marrocco e il Sindaco. A questo punto sono il Sindaco ed il consigliere Mele, visto che nel consiglio di ieri hanno blaterato giustificazioni non proprio coerenti con quanto da loro affermato attraverso interviste televisive o scritti giornalistici, a dover dare delle spiegazioni ai cittadini di Calvi, e se lo ritengono opportuno anche alle autorità giudiziarie, in merito alle loro insinuazioni di cambiali politiche sottoscritte dal dr. Marrocco e di Nicola Cipro. Giusto per chiarezza il dr. Marrocco si è dovuto allontanare dal consiglio comunale, protattosi oltre quanto previsto, per inderogabili motivi di lavoro.

    RispondiElimina
  18. CARO AVVOCATO ZONA, VOGLIO SOLO DIRE CHE IL DOTTOR GIANNI MARROCCO SI SEGNALA QUALE UNICO ELEMENTO DOTATO DI ATTRIBUTI E DI CAPACITA' POLITICA, OLTRE CHE ESSERE L'UNICO ELEMENTO SERIO E TRASPARENTE DI QUESTA MAGGIORANZA. SAREBBE BELLO VEDERLO SINDACO AL PIU' PRESTO, SIAMO STANCHI DEI SOLITI MESTIERANTI DELLA POLITICA COME ZACCHIA, CAPARCO E INTERCETTATI VARI. DIAMO SPAZIO ALLA SERIETA' SE VOGLIAMO RITORNARE AD ESSERE VERI CALENI. BELLISSIMO L'INTERVENTO DI MARROCCO IN CONSIGLIO: POCHE VOLTE SI SENTE UN CONTRIBUTO COSI' SERIO E PROFESSIONALE IN QUEL POLLAIO CHE E' DIVENTATO IL CONSIGLIO (GRAZIE A GENTE COME MELE E COMPANY).
    COMPLIMENTI A GIANNI MARROCCO, VERAMENTE IN GAMBA E SERIO. SINDACO SUBITO

    RispondiElimina
  19. Cari anonimi delle ore 8,40 e delle 10,39 io non ho detto che Marrocco non ha dato risposte in merito alla revoca del suo assessorato, ho solo detto che quando c'era da discutere con un'interrogazione orale, degli articoli scritti da Silvestro Mele molto offensivi ed ingiuriosi nei suoi riguardi che se corrispondessero a verità sarebbe molto ,molto,grave,ma questo spero che l'accerterà la Giustizia, Marrocco non era presente in Consiglio.Qualche dubbio mi può sorgere? Nicola Cipro ha fatto quel che ha potuto e di questo gli va dato atto. Non mi si venga a dire che il Consiglio si è protratto oltre il dovuto, perchè i Consigli Comunali non si fanno a"tempo" e quando una persona si fa eleggere per amministrare la propria Comunità non può addurre come scusante impegni inderogabii di lavoro. Marrocco ha fatto a mio parere una pessima figura nei confronti di tutti i cittadini Caleni,e questo suo atteggiamento non ha fatto altro che alimentare sospetti sul suo conto.Un grazie a Massimo per l'opportunità che mi da'di poter discutere su questo BLOG.

    RispondiElimina
  20. Anonimo delle 16,25 ti accontenti di cosi' poco? dai non farci ridere.Il tuo"idolo"già lo chiamano "Marrocco il Fuggiasco" altro che sindaco.

    RispondiElimina
  21. Anonimo delle 16.27, come tu ben sai, se MARROCO, dichiara di aver dato mandato ai suoi legali per quel che e' stato scritto sul sito di MELE, quale altra spiegazione deve dare, da che cosa deve difendersi??? Le parole le porta via il vento.
    Sara' la giustizia a fare chiarezza.

    RispondiElimina
  22. A proposito!!!!!!!!!!! ho dimenticato di dire che con la cacciata di MARROCCO e CIPRO, 500 elettori, non hanno piu' referenti sulla casa Comunale.

    RispondiElimina
  23. Chiarisco una volta per tutte. Non sono ossessionato dalla smania di censurare e come vedete quando il commento è obiettivo e pacato e soprattutto non offende nessuno lo lascio volentieri anche se è fuori dal tema.
    Quando però, anonimo delle 14,01 esordisci con un epiteto offensivo, oltretutto gratuito, non posso fare a meno di intervenire.
    Massimo Zona

    RispondiElimina
  24. Anonimo delle 16 e 27, spiegaci quali sospetti avrebbe alimentato l’assenza del dr. Marrocco ad un risposta scritta relativa ad una interrogazione consiliare. Paura di che cosa? di chi? se, come affermato dallo stesso dr. Marrocco, il consigliere Mele è stato denunciato per calunnia. Visto che a questo punto, su sollecitazione dello stesso dr. Marrocco, il tutto sarà chiarito dall’autorità giudiziaria, sembra alquanto strano affermare che il dr. Marrocco non abbia presenziato all’argomento per paura di occultare o di avere un confronto in merito ad eventuali cambiali politiche sottoscritte con qualcuno. Saranno altri, con prove documentate, che dovranno risponderne in altra sede.

    RispondiElimina
  25. caro massimo, la verità non deve mai essere sottaciuta o sboglio? allora non è ne offensivo ne infamante dire che il dottore Marrocco Giovanni ha già tradito due volte i rispettivi Sindaci, prima Zacchia e poi Caparco. se vuoi puoi anche eliminare questo scritto, tanto la sostanza non cambia. Marrocco Resterà sempre una persona poco affidabile. saluti a tutti

    RispondiElimina
  26. Marruocco venga a dire il perchè della sua fuga dal consiglio comunale di ieri. ha presentato la solita letterina, scritta da altri, ed è scappato via come un cane bastonato. Stiamo ancora aspettando le tue motivazioni pubbliche.

    RispondiElimina
  27. In politica non si tradiscono le persone ma le idee, e il dr. Marrocco non ha mai tradito l'idea di un nuovo modo di far politica, una politica fatta esclusivamente nell'interesse della collettività.

    RispondiElimina
  28. La differenza tra MARROCCO e il metodo Caparchiano si contraddistingue dal fatto che il primo ha cercato di aiutare la comunita' CALENA e, sfido chiunque a dire il contrario.
    mentre gli altri stanno aiutando gli interessi personali e familiari.
    Nel suo intervendo MARROCCO ha ringraziato il sindaco e tutti gli assessori per averlo cacciato in quanto non ha accettato i metodi CAPARCHIANI, noi ringraziamo MARROCCO per non essersi sottomesso ai suddetti metodi e di continuare per la tua strada.
    Ti assicuro che il popolo caleno almeno la maggior parte pensa che il traditore non sei tu, ma coloro che stanno tradendo le aspettative di tutti solo per i propri interessi.
    Un augurio a MARROCCO prossimo sindaco di Calvi Risorta

    RispondiElimina
  29. mamma mia che casino quel caparco in consiglio comunale.
    prima dice che l'assessorato allo sport e spettacolo e' superfluo quindi non premia nicola pepe che a ben fatto tra natale,carnevale e estate calena,poi da l'assessorato al verde attrezzato ads antonio zona.
    la domanda e' la seguente:ma questo assessorato non si da nelle grandi citta' come roma o milano?
    o forse l'amico zona non riesce a gestire lo sport e lo spettacolo?
    mi dispiace per pepe spero che continui il suo lavoro di consigliere.
    firmato un ex fan di caparco.
    anto? ma che ca.......o hai combinato?

    RispondiElimina
  30. per l'anonimo delle 16,27 come fa a dire che il dr.marrocco ha lasciato qualche dubbio ieri in consiglio comunale? Ha risposto a tutte le motivazioni del ritiro della delega, ed inoltre in merito agli articoli di stampa a firma del consigliere mele, già ha dato corso ai suoi legali che tramite l'autorità giudiziaria chiarirà molte cose. Quindi caro anonimo non devi avere nessun dubbio sulla moralità e serietà del dr.marrocco e la dimostrato ieri in consiglio a non scendere al livello di altri.

    RispondiElimina
  31. caro anonimo delle 20,31, tu parli di tradimenti, ti faccio un esempio; secondo te il matrimonio oggi è eterno? se ci sono incomprensioni tra due persone (per non dire altro)devono rimanere per forza insieme? c'è sempre una motivazione molto valida dietro il problema, quindi conoscendo il dr-marrocco che la ritengo persona onesta e seria ha fatto bene a lasciare tizio e caio.Adesso dammela tu la risposta in merito in merito all'affidabilità!

    RispondiElimina
  32. Cari anonimi che tanto vi accalorate nel difendere il "Marrocco Fuggiasco" dalle sue responsabilità politiche e poi personali, cosa molto piu' grave ! Lo stesso ha affermato in Consiglio Comunale che si riserverà di adire le vie legali".Campa cavallo che l'erba cresce"! Le parole se le porta via il vento, di concreto non abbiamo visto niente, e come si dice da noi "e chiacchere fann e chierc "se non c'è un 'azione conseguenziale tutto rimane come prima.I propositi sono buoni ma poi bisogna agire e TU caro Marrocco con la tua fuga non fai sperare niente di buono! Forse come si dice da noi "hai il serpe nel manicone"! Non fare la vittima attraverso i tuoi galoppinni politici(non è offensivo)) sii Uomo!E difenditi nelle sedi Istituzionali. Ma tu non ci sei abituato perchè hai letto ,sempre, il tuo compitino scritto da altri, a volte non lo leggevi neanche bene, perhè non conoscevi neanche l'argomento. Forse per questo i tuoi ex amici di maggioranza ti chiamano "FARFUGLIONE"? Sii coerente ,non fuggire ,come hai sempre fatto , affrontali a viso aperto non lasciare solo il buon Nicola Cipro che si barcamena ma mi dispiace dirlo non " è art e ra soia". Cari amici non offendetevi ma penso che sia la verità.Un vostro elettore pentito. La prossima volta voterò Zacchia almeno lui ha le ...PELOTAS ... come ha detto Caparco in Consiglio Comunale.

    RispondiElimina
  33. VERAMENTE CHI FUGGE NON SEMBRA ESSERE MARROCCO, CARI AMICI, MA I PAVIDI E MAMMONI CONSIGLIERI CHE SI METTONO SOTTO L'OMBRA DELLA PINGUE PANCIA DEL SINDACO. Viva Marrocco, soprattutto per gli attributi che dimostra sempre di avere (altro che Caparco, nascosto dietro la televisione del tinello di Miele). Magari avessero tutti le palle come Marrocco, non avremmo problemi di avvisi di garanzia, intercettazioni, interdittive antimafia, lottizzazioni illegali e collusione con alcuni ambienti non proprio in odore di Santità.
    Calvi la vogliamo forte e onesta?
    Portiamo Marrocco a fare il sindaco e togliamo di mezzo questo comitato di affaristi senza alcuna credibilità umana, politica e sociale.

    RispondiElimina
  34. VIVA GIOVANNI MARROCCO, IL DOTTOR MARROCCO: L'UNICA PERSONA SERIA DEL CONSIGLIO COMUNALE.
    MARROCCO SINDACO PER UNA CALVI FORTE E ONESTA FORTE E ONESTA, FORTE E ONESTA, FORTE E ONESTA ORTE E ONESTA FORTE E ONESTA, FORTE E ONESTA, FORTE E ONESTA, FORTE E ONESTA, FORTE E ONESTA ORTE E ONESTA FORTE E ONESTA, FORTE E ONESTA, FORTE E ONESTA...COME IL DOTTOR MARROCCO FORTE E ONESTO!!!!!
    via i mercanti dal tempio che cercano solo appalti e posti per i parenti!!!

    RispondiElimina
  35. marrocco nn hai la stoffa per fare il sindaco,liberati da quei sanguisughe dei tuoi amici'ti hanno votato solo per interessi'ma nn hai potuto accontentarli tutti.da solo avresti preso due voti'avevi troppi portaborraccia che ti hanno convinto a schierarti contro caparco quando lui nn ti ha dato la possibilita' di accontentarli. Ritirati che e meglio.

    RispondiElimina
  36. Cari amici del BLOG(grazie Massimo che ci dai la possibilità di dire la nostra opinione, spero sempre senza ingiuriare ed offendere) voglio fare alcune considerazioni sulla nuova Giunta Comunale. Sono state ridistribuite le Deleghe. A me sorge qualche dubbio. La delega "AI SERVIZI SOCIALI" non è stata attribuita ,vuoi vedere che succede come la delega ai "LAVORI PUBBLICI"(DIRIGENTE ING. SERGIO SANTILLO CUGINO DEL SINDACO) che se la prende il sindaco, cosi' può gestire direttamente i contributi ordinari e straordinari alle Persone Indigenti del comune di Calvi Risorta,o può gestire direttamente le assunzioni(OSA,OTA, PISGOLOGI, ASSISTENTI SOCIALI,OPERATORI DI STRADA...ECC.)insieme al fratello GIUSEPPE CAPARCO (ASSISTENTE SOCIALE AL COMUNE DI CALVI RISORTA) perchè dovete sapere che L'AMBITO C5 di cui il nostro Comune fa parte (LEGGE 328) i CONCORSI LI GESTISCE DIRETTAMENTE (cioè non si serve di cooperative) e questo fa molti voti! Non è stata assegnata la delega allo SPORT e ALLO SPETTACOLO chi meglio di Nicola PEPE poteva esercitare questa DELEGA ,LAVORATORE INDEFESSO ,SEMPRE IN PRIMA LINEA, "ma no non c'é ne bisogno gestico tutto IO ha affermato CAPARCO". Ha dato una delega ad un nuovo assessore "AL VERDE" speriamo che non sia all'EREVA, come dice qualcuno della Maggioranza che già si diverte a fare battute.

    RispondiElimina
  37. Ma avete visto che atteggiamento di rammollito ha assunto il consigliere comunale di opposizione "APPARENTE" il sig. Antonio Bonacci detto Antonello? nel passato consiglio? si dichiara parzialmente spddisfatto della risposta che ha dato il sindaco sulla sua interrogazione che riguardavano l'installazione dei dossi per le vie di Calvi (Quasi tutti da rifare). ATTENZIONE,ATTENZIONE il Bonacci propone al Sindaco Caparco di aumentare il numero dei dossi,elencando pure le strade dove dovranno essere intallati che sono le seguenti: Via XX settembre a Petrulo,Via Baroni Sanniti a Visciano, Via XI Febbraio a Visciano ed altre ancora. Questo è stato l'intervento del sig. Banacci Antonio detto Antonello sulla questione dossi. Ricordatevi di lui quando verrà a chiedere i soliti voti che non gli serviranno mai a niente. Un consiglio da amico: Ritirati perchè sei solo un piccolo politicante. senza rancore un tuo amico.

    RispondiElimina
  38. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  39. caro amico delle 00,12 hai proprio ragione, non è arte sua fare politica (riferita a cipro) perchè è stato poco furbo, bastava che non si presentava al comune è avrebbe detto sempre si, si sarebbe assicurato i 340 euro mensile da assessore come stanno facendo gli altri- Cipro non pensare a nessuno, cammina sempre con la testa alta. un amico,anche se non ti ho votato sono fiero del tuo atteggiamento.Ti stanno denigrando unitamente a marrocco, perchè gli fate paura.

    RispondiElimina
  40. Poco fa', ho letto sul sito di Silver MELE , l'articolo riguardante la banda del torchio,
    dove si calunnia il Signor MARROCCO.
    Caro Silver, ma lo sai il nonno di MARROCCO che cosa ha fatto per il nostro paese. Perche' sul tuo articolo non hai detto che MARROCCO e' stato l'unico assessore a devolvere il proprio stipendio per l'APAC. Perche' non hai scritto che MARROCCO ha comprato di tasca propria i condizionatori per le scuole. Ancora non ti sei reso conto, di essere un burattino, nelle mani di persone che ti hanno e, ti stanno usando,solo ed esculsivamente, per raggiungere i propri scopi PERSONALI. Secondo te!! per quale motivo il buon Nicola PEPE ha rifiutato la carica di assessore???
    Per quale motivo, si sono inventati, l'assessorato al verde pubblico ed e' stato dato ad una persona che tra missioni all'estero ed esercitazioni sara' molto spesso "per mesi" lontano da Calvi Risorta.

    RispondiElimina
  41. un assessore che prende lo spipendio di politico, ma guadagna fiori di quattrini stando all'estero pr le missioni.
    chi è?
    ma il nipote di Caparco, naturalmente!!
    E Silver Mele continua ad abboccare all'amo...bravo fessacchiotto...tu fai il reggipanza del sindaco e Claudio si pappa i soldini dell'indennita (gli hanno costruito un assessorato addosso, al pari di un vestito)

    RispondiElimina
  42. Anonimo delle 12:18, gli altri vanno all'estero per guadagnare "fior di quattrini" e tu muori dall'invidia. Perchè non vai anche tu a lavorare invece di spendere il tuo tempo a scrivere inutili commenti sul blog? e poi, invece di pensare a quanto guadagnano gli altri, perchè non pensi a quanto non guadagni tu?

    RispondiElimina
  43. Ragazzi non fate confusione l'assessore in questione non è Claudio Zitiello nipote del "sindaco dei parenti", a quanto sembra ci sia incompatibilità con lo "Zio" sindaco,se no statene certi era già assessore da tempo. Il mitico assessore al VERDE è Antonio ZONA anche lui spesso all'estero per missioni ed in giro in Italia per esercitazioni. Come premio la comunità Calena gli paga lo stipendio di assessore. La cosa si commenta da sola. A proposito di "fior di quattrini" controllate sui siti internet che "stipendio d'oro" percepisce Nicola nipote del "sindaco dei parenti" e che carriera ha fatto nel Consorzio Unico Rifiuti.Per la cronaca sembra che percepisce piu' di 1900 euro al mese e stia scalando la carriera impiegantizia.A VOI LE CONCLUSIONI!!!!

    RispondiElimina
  44. Sono l'anonimo delle 01.49.
    Carissimi signori avete preso un abbaglio. La questione non riguarda il nome dell'assessore, ma bensi' il motivo per cui e' stato inventato l'assessorato.
    Penso che sapete tutti che quando manca un assessore, al 90% la delega la tiene il Sindaco, cosa che accadra' spesso.
    1+1=2. chiedo scusa volevo dire delega dei lavori PUBBLICI+DEL VERDE ATTREZZATO= che dio ce la mandi buona.
    Silver hai paragonato un galantuomo come MARROCCO ai protagonisti di miseria e nobilta'!!!!!!
    Voi mi sembrate i protagonisti del film ITAIAN JOB.
    Un saluto a tutti gli amici del blog.
    solo per chiarimenti l'assessore e' Antonio ZONA non Claudio ZITIELLO, che a parer mio sono ignari di tutto cio'.

    RispondiElimina
  45. Anonimo delle 20:24 vedo che anche tu, come l'anonimo delle 12:28, sei ben informato sui guadagni degli altri e anche tu,come lui, muori dall'invidia.
    QUESTE SONO LE CONCLUSIONI!!!

    RispondiElimina
  46. per l'anonimo delle 21,33, la verità purtroppo fa male, vero?

    RispondiElimina
  47. Ciao a tutti gli amici del blog... avete visto l'ultima trovata di questa maggioranza retta dal Caparco. Vice Presidente del Consiglio Comunale parliamo di Giuseppe Zona, e forte sta cosa... la carica di revisori dei conti finisce a una parente di Antonello Bonacci, troppo forte ancora una volta... Sparisce il sito di rinascita calena, insomma era tutto previsto cari amici. www.calvirisortanews.it e sempre in rete non ha prezzo .... alla prossima.... continuate a leggere i veri siti di quelli che dicono le verità scomode.... alla politica degli affarari generali.

    Vito Taffuri

    RispondiElimina
  48. La caparcheide continua.Quando i caleni toglieranno le fette di prosciutto dagli occhi capiranno.
    Qualcuno della maggioranza le ha già tolte e i risultati si sono visti.DEFENESTRAZIONE!
    MA CARO ANTONIO LA TUA ORA E' ORMAI SEGNATA PERCHE' SE NON AVRAI IL CORAGGIO DI ANDARTENE SARA' IL PREFETTO A MANDARTI VIA INSIEME AL
    CARO FRATELLO, NIPOTI E PARENTI VARI ACQUISITI E DA ACQUISIRE E A
    BUON INTENDITORE POCHE PAROLE.
    BACIONI A TUTTI I LETTORI DEL BLOG.

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.