I FONDAMENTALI NON VALGONO SOLO NEGLI SPORT

Quando da piccoli ci accostavamo a qualche sport, e chi vi parla ne ha frequentati molti anche a livello nazionale, la prima cosa che ci insegnavano quei vecchi allenatori erano i “fondamentali”.
Parola all’epoca strana ed insieme magica, che racchiudeva in sé tutta l’arte della disciplina.

A distanza di anni, maestro di Calcio a 5 da più di cinque lustri, mi ritrovo insieme al mio inseparabile compagno di sport e di vita Mario Cipro, ad insegnare annualmente i “fondamentali” a bambini che non hanno più di 6/7 anni.
E’ un compito difficile, per noi e soprattutto per loro, abituati a giocare e a calciare il pallone come hanno fatto sempre, in maniera istintiva e senza vincoli.
Piano piano però li vediamo apprendere come si fanno i passaggi, come si deve tirare, come si deve fermare la palla, come debbono disporsi in campo.
In poche parole, come si imparano i “fondamentali”.

Così i bambini crescono ed apprendono sempre più i segreti di questo bellissimo sport che è il calcio a 5 e quando diventano più grandi sviluppano la loro perizia di squadra vincendo i vari tornei federali.
Per questo motivo da anni andiamo razziando vittorie continue e durature a livello esordienti, giovanissimi ed allievi. Perché alle spalle abbiamo un gruppo di ragazzi che, crescendo, imparano i “fondamentali” e li mettono in pratica.

Trovo molte assonanze tra il mondo sportivo e quello politico. Entrambi infatti mirano al benessere degli uomini, entrambi insegnano, o almeno dovrebbero farlo, il rispetto per gli altri, la lealtà e la correttezza pur nella grinta e nell’agonismo necessari.

Entrambi richiedono, o dovrebbero farlo, una cura e un’attenzione nell’allenamento che altre discipline umane non richiedono.
Accade sovente che capiti nella nostra scuola qualche nuovo ragazzo volenteroso di inserirsi in qualche squadra, ma incapace a farlo pur essendo dotato di grossi mezzi fisici. Sapete perché? Perché non ha i “fondamentali”.

Nella politica nostrana invece questo assioma sembra non avere senso ed ognuno si sente investito del diritto/dovere di buttarsi nell’agone senza avere né un’adeguata preparazione, né un allenamento specifico.
Chi fa questo nello sport rischia, oltra a incidenti, distorsioni, strappi e stiramenti vari, di rimanere un corpo estraneo ad una squadra e di non toccare palla per un’intera partita.

E in politica?

Fate voi ….


Massimo Zona

Commenti

  1. Come si fa a scegliere un sindaco se non c’è stata nessuna selezione tra i candidati!
    Ogniuno ha seguito la propria ambizione e basta, ma come pensano di essere ancora credibile?
    Gente che ufficialmente si dice contro caparco e poi per queste cose lo aiuta a vincere.
    Con che faccie si presenteranno a chiedere il voto???

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.