LE RINUNCE VINCENTI

Si rincorrono le voci in questi giorni di tentativi di intese tra i proclamati candidati sindaci, naufragati sugli scogli di dissapori, rancori personali e voglie di protagonismo.
Ci permettiamo allora una considerazione, nel solco della linea di dialogo che da sempre promuoviamo come segno di rinnovamento della politica locale.

Ad oggi appare sempre più inspiegabile agli occhi dei più perché le forze moderate di opposizione all’attuale amministrazione non abbiano trovato ancora un’intesa.
E sarà d’obbligo allora una spiegazione nel momento in cui verranno a chiederci il voto, un voto che ancora una volta legittimerà Caparco, frustrando ulteriormente le nostre aspettative di cambiamento.

Ci pare estremamente chiaro che così non si va da nessuna parte, soprattutto se ciascuno dei pretendenti al soglio di sindaco non è disposto a fare un passo indietro e a sedersi ad un tavolo con gli altri senza avanzare pretese, ma con l’unico intento di costruire: al di là dei ruoli, delle ambizioni e dei tornaconti.

Abbiamo avanzato l’idea di poter convergere su una figura terza, che potesse radunare una squadra di valenti amministratori, che fosse non solo di garanzia delle legittime posizioni, ma desse anche prestigio e valore aggiunto ad una compagine certo eterogenea, ma sicuramente qualificata.
Sappiamo bene che accettare questo compromesso significa molto per tanti: ma proprio questa è l’arma vincente, l’argomentazione più convincente e premiante da sottoporre all’elettorato.

Anteporre l’interesse della comunità a quello personale, il progetto ai personalismi, la squadra di governo agli interessi di bottega.

Ecco la novità, ecco il rinnovamento, ecco partire con il piede giusto.
E se pensate che gli elettori non capirebbero siete fuori strada: li sottovalutate enormemente!
E’ quello che si aspettano dai loro politici.
Sono stanchi di promesse, proclami, annunci che da perdenti peraltro non si potranno più realizzare.
Vogliono fatti e soprattutto esempi. E questo sarebbe il più grande.

E poi, l’aggregazione chiama aggregazione e l’entusiasmo genera entusiasmo. Sapete bene che non ce ne sarebbe più per nessuno.


Dr. Marrocco, Dr. Lombardi, Dr. Zacchia, cari amici che li sostenete, siamo ancora in tempo per fare la cosa giusta, e la rinuncia vincente.

Commenti

  1. Caro Francesco, da semplice elettore dissento.
    La parola cambiamento non ha nulla a che fare con i termini accordo, coalizione ecc...
    Sono invece, più che mai, convinto che si sia generato un tale entusiasmo riguardo alla candidatura a sindaco del dott
    Lombardi che nessuno può più nasconderlo. Ed allora non resta altro che scoraggiare e cercare il male minore per i propri interessi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro amico, ti confesso che ho capito poco del tuo ragionamento. Non entro nel merito del “tale entusiasmo” generato dal dr. Lombardi, ma che vuol dire “..non resta altro che scoraggiare e cercare il male minore per i propri interessi?” Precisando che personalmente non ho alcun minimo interesse in campo, quale sarebbe questo male minore?

      Elimina
  2. Se non ricordo male, ho letto per la prima volta che Caparco è favorito dalla presenza di altre tre liste su un articolo a firma dell'avv. Massimo Taffuri, candidato nella lista di Marrocco. Da allora è un continuo tra gli addetti ai "lavori" e su questo blog, che
    ha apertamente dichiarato di essere di parte. Se due più due fa
    quattro c'è una squadra che non sapendo dove andare a parare ha adottato tale strategia per non restare esclusa. Un passo indietro
    no??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so a quale squadra tu ti riferisca. Personalmente ne vedo parecchie che pensano di potere “andare a parare” , ma che non hanno né numeri né possibilità alcuna.
      E’ solo una mia opinione, intendiamoci.
      Resto convinto perciò che l’unica cosa saggia sarebbe quella di un passo indietro da parte di tutti.

      Elimina
  3. Si è talmente generato un tale entusiasmo per giovannino lombardi che per proteggersi dai fans, come i più consumati politici, viaggia in auto blu, ops nera, con relativo autista...giovannino stai attento, potresti farti un gran male politicamente parlando...

    RispondiElimina
  4. Simili affermazioni celano tanta pochezza d'animo quanta meschinità politica!

    RispondiElimina
  5. Ho la netta senzazione che Giovanni Lombardi rinuncerebbe volentieri alla candidatura a Sindaco e resiste solo perchè, da un lato, è pressato dalla sfrenata smania familiare, della madre in particolare, e dall' altro per dovere di lealtà nei confronti di un accordo che Antonello Bonacci gli ha fornito con una inaspettata cecità politica ho peggio ancora con cinico ed oscuro tornaconto personale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciascuno giudica bene ciò che conosce, e solo di questo è buon giudice! Aristotele

      Elimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.