CAVALCARONO INSIEME

Avrebbe potuto essere un remake di quel bellissimo film western del 1961, “Cavalcarono insieme”, con i due protagonisti d’eccezione James Stewart e Richard Widmark. E invano si è tentato dal regista di turno, che nel film era John Ford, di far capire ai due contendenti che non ce ne sarebbe stato per nessuno, se solo si fossero alleati.
Non sta certo a noi attribuire colpe e responsabilità, fatto sta che le due fazioni hanno deciso che fosse l’ora di scendere in campo, ognuno con una precisa strategia d’attacco.
Ha iniziato subito Giovanni Lombardi lanciando le sue truppe all’assalto dei due fortini di Petrulo, conquistandone subito uno con una bella differenza di voti, ma trovando una resistenza strenua da parte di Giovanni Marrocco nel seggio n. 4, perso per soli nove voti.
Questa è stata un po’ la chiave di volta di tutta la votazione.
Fosse riuscito Lombardi ad avvantaggiarsi di altri 103 punti come avvenuto nel seggio 5, non ci sarebbe stato più nulla da fare.
Ma i vari candidati si erano preparati adeguatamente e sono riusciti a raccattare nell’urna ben 370 voti di preferenza.
A questo punto è iniziata la rimonta della lista Marrocco che ha catapultato le sue truppe nell’assalto finale ai due seggi di via Roma, ottenendo una differenza finale rispettivamente di 151 e 36 voti.
Gap colmato e assalto finale al fortino rappresentato dal seggio di via Mancini, feudo di Caparco, ma anche di Giovanni Lombardi che è riuscito a sopravanzare il rivale di 78 punti.
A dare questa volta una bella mano a Marrocco, se pur involontariamente, è stato lo stesso Caparco che in questo seggio si è piazzato secondo con 319 voti e con l’ottima percentuale del 31,4% (la sua media sarà del 26,1%) e che è andato così a togliere voti alla lista capeggiata da Lombardi.
Va segnalata però anche la straordinaria performance di un incredibile Nicola Cipro, che nella sua Zuni è riuscito a raggranellare ben 143 dei suoi 368 voti di preferenza finali, risultando così decisivo nella vittoria della sua lista.
Alla fine sarà un’inezia di sette voti a fare la differenza tra le due liste.

Sette soli voti a dettare la differenza tra il baratro e il cielo.

Commenti

  1. Da come la descrivi sembra più una partita di calcetto che una contesa elettorale. Col vantaggio di sdrammatizzare le cose.

    RispondiElimina
  2. Sostanziale vittoria ai rigori da parte del team di Marrocco. Il nuovo sindaco dovrà tenere conto, tuttavia, che la maggioranza degli elettori non lo ha votato a differenza dei precedenti sindaci eletti con più del 50% dei voti validi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo un Governo che ha preso meno voti dell'opposizione con un presidente del Consiglio che non e' stato eletto da nessuno.
      A Curti con oltre 2000 votanti piu' di Calvi Risorta , hanno vinto con 1 solo voto di scarto .
      le elezioni non si vincono con la pasta e fagioli.

      Elimina
  3. E' vero che la differenza tra Lombardi e Marrocco è stata di appena 7 voti...ma è pur vero che Lombardi gestisce uno studio medico a Calvi Risorta che conta ben 1700 assistiti e ha alle spalle una famiglia di tutto rispetto per quantità, la famiglia di Marrocco risiede a Pignataro e i parenti di Calvi sono Lello De Vita e altri, che, per ovvi motivi, non lo hanno votato, quindi i 1468 voti sono da attribuire ovviamente ai candidati, ma soprattutto alla stima che i caleni hanno di lui. Ma detto questo devo dire che lo stesso Lombardi si può ritenere soddisfatto del risultato raggiunto, prendere 1461 voti la prima volta che si candida non è poco...eppure non ha vinto!!!Non ha vinto forse per troppa presunzione...la sicurezza che ostentava non è stata interpretata in modo positivo e questo l'ha tradito...non ha affrontato la campagna elettorale con sana competizione, ma mi è sembrato di trovarmi di fronte a dei bambini che vogliono vincere a tutti i costi, e che dopo aver perso la partita si arrabbiano, ritirano il giocattolo ed escono di scena....Ecco, al di là dei meriti di aggregazione, questa è la critica che sento di fare al dott. Lombardi: hai bombardato i tuoi elettori, tramite il tuo profilo fb, di messaggi di incitamento, di vittoria, di elogi, anche di stronzate...!!!!!!!!!!!!!!! i tuoi elettori, nonostante la sconfitta, continuano a stare con te, con messaggi di solidarietà, di vicinanza, di affetto, di stima.......ma nessuna risposta, nenche un semplice "grazie"...è questo che meritano?????

    RispondiElimina
  4. Come soli sette voti cambiano la visione del mondo, vero eh?

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.