PASSO E CHIUDO COL DISSESTO …. IN ATTESA DELLA CATARSI

E sono giunto al termine di questa triade di post dedicata al dissesto della nostra cittadina, dissesto che ho cercato di descrivere nella maniera più obiettiva  e distaccata possibile, anche se più di qualcuno dei miei amici mi ha rimproverato di far trasparire i miei pensieri e le mie convinzioni in modo più che palese.
Forse è vero, ma spero che, più di tutto, traspari da questi post l’amore incondizionato che ho per la nostra cittadina.
E alla fine delle riflessioni, dei giudizi che più o meno ho dato, delle convinzioni espresse sulle responsabilità dei singoli, resto convinto che non vi potrà essere riscatto se non attraverso l’unione delle migliori forze che compongono la nostra cittadina.
Diceva quel vecchio filosofo della storia politica calena che è Alberico Martino, che è perfettamente inutile vincere le elezioni, se poi non si dispone di una squadra in grado di portare adeguatamente avanti il programma.
Aggiungo io, che se le prossime elezioni saranno improntate alla consueta logica di appartenenza a gruppi e famiglie, non si arriverà da nessuna parte.
E’ il momento di ricorrere a tutte le valenze che offre il panorama cittadino, valenze che pure esistono in ogni schieramento come nelle liste di Lombardi, di Marrocco e di Caparco.
Superare gli antagonismi e le ambizioni personali in nome di un ideale superiore, ecco l’obiettivo al quale debbono tendere tutti.
A cominciare da Giovanni Lombardi, medico stimato e simpatico a tutti, che ha involuto, a mio avviso beninteso, la propria immagine di uomo buono e riflessivo, attuando ultimamente una politica di una virulenza verbale senza precedenti, che ha indotto molti a chiedersi su dove il dottore basasse la propria sicumera, visto che non aveva mai svolto alcun compito politico, tale da essere definito un valente esponente di quel mondo.
Un buon bagno di umiltà potrà rilanciare la sua immagine e riproporla a livello più universale sullo scacchiere cittadino, a patto che non si faccia più influenzare da quei “consigliori” che, pur potendo in passato, si sono dimostrati totalmente inaffidabili e vuoti dal punto di vista politico.
Come dicevo nel titolo, ci vuole questa catarsi che purifichi tutti dai veleni accumulati negli ultimi venti, venticinque anni di amministrazioni comunali.
Certo, ci potrà essere qualcuno che sarà tentato di tornare alle vecchie logiche delle famiglie, degli amici, dei parenti e compagni di merende.
Ma che non potrà far nulla, se avrà di fronte il mondo nuovo della politica calena.
E se, nonostante ciò, riuscisse comunque a risultare vincitore, vuol dire che il popolo caleno, che ha votato in democrazia, se l’è ampiamente meritato.
E glielo lasceremo tutto quanto.
Perché vedete amici, la democrazia è un arma bellissima e contraddittoria insieme.

Permette a tutti, ma proprio a tutti, di avere voce in capitolo, col risultato poi che il voto di una persona egregia, colta, intelligente e preparata vale, alla fine, come quello di un emerito imbecille. 

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.