Chi ci scalderà il cuore?

“Si continua a definire Antonello un perdente! Vincenti sono coloro che, come Marrocco, fanno accordi a destra e a manca pur di ottenere una carica?? Gli stessi che poi non riescono ad amministrare con nessuno degli alleati?
Allora viva Antonello e i suoi ideali!”

Riprendo questo commento dopo un po’ di tempo, persuaso che  le sensazioni della prima ora debbano decantare per lasciare posto ad un’analisi più fredda ed equilibrata.
Certo, il passo compiuto da Rinascita Calena è stato di quelli azzardati, politicamente parlando, seppur indispensabile per uscire dalle secche di un immobilismo fine a se stesso più che all’interesse dei cittadini.
Diciamolo francamente: grosso merito va ascritto a quella vecchia volpe politica, pur giovane di età, di Giacomo Zacchia, che interpretando correttamente i segnali che gli arrivavano da più parti, e in particolare da coloro che gli sono stati sempre vicino, ha deciso di non candidarsi, confondendo in un colpo le carte a Rinascita Calena (tra cui più di uno non voleva l’inserimento) e rendendo pan per focaccia a quello che da lui era considerato il nemico pubblico n. 1 e cioè Marrocco.
Se da un punto di vista numerico Giovanni Lombardi ne trarrà sicuro giovamento, dal punto di vista strettamente politico la mossa messa in atto insieme ad Antonello rischia invece di indebolirlo.
Ne abbiamo avvertito le avvisaglie su questo blog dai vari commenti apparsi su di esso, che parlano di inciuci, marmellate, e via dicendo.
Certo, direte voi pochi, ma affezionati lettori, Zacchia ha rinunciato a fare il sindaco e perciò Giovanni Lombardi non ha corso nessun rischio di defenestramento.
Speriamo per lui che i vantaggi che ricaverà da questa operazione siano maggiori di quelli passati oggi all’incasso.
Cosa c’entra tutto ciò col prologo?
C’entra e come, caro amico di evidente fede antonelliana.
Chi scrive è uno di quelli che nelle passate elezioni ha avuto il coraggio di schierarsi pubblicamente a suo favore e a quello di Rinascita Calena.
Ma dopo tutti i proclami di impegno fattivo che doveva essere continuato anche dopo le elezioni, nulla è più stato fatto.
Dichiarai nell’occasione del voto ad Antonello che ben sapevo di andare incontro a perdita certa, viste le forze in campo e l’esiguità della sua lista, ma che ero ben contento di farlo in nome degli ideali che andava propugnando.
Mi inimicai, sempre in quell’occasione, molta gente, convinta che bastassero parentele e amicizie per aggiudicarsi il mio voto. L’unico a comprendere la mia presa di posizione fu Nicola Cipro, mio amico da sempre, che dimostrò apprezzamento per la coerenza e la lealtà di intenti che mi portarono a non votarlo.
Ora, a distanza di cinque anni, Antonello viene a riproporci più o meno le stesse cose, spacciandole per nuove sotto il vessillo di Giovanni Lombardi.
Ma dopo cinque anni le cose cambiano, i vecchi aficionados degli ideali, come me, si chiedono che fine abbiano fatto le istanze di quel tempo, dissipatesi in una nebbia di ovattato e, consentimi, imbarazzante silenzio.
Come ho già scritto, se Giovanni Lombardi pensa di contare ancora su tutti quei voti, farà in fretta a ricredersi.
Per quanto riguarda Antonello ti assicuro che la mia stima nei suoi confronti è rimasta immutata. Lo considero un grosso politico, incline però ad uscire dal letargo solo se  sente il profumo di prove elettorali e, col passare del tempo, a giovarsi di una sorta di autodecisionismo.
Tu, caro amico, pensi veramente che questo nuovo corso sia sufficiente a far di lui finalmente un vincente?
Io so solo che, proprio in nome degli ideali di allora, la scelta diventa oggi non semplice, non avendo un Antonello, quello di quel tempo, a riscaldarci l’anima.


Massimo Zona

Commenti

  1. sono d'accordo sulla tesi politica del dr.Zona

    RispondiElimina
  2. Carissimo Massimo, anch'io come te nelle passate elezioni ho creduto in Antonello, quale la persona giusta a cambiare un pò le cose, anch'io l'ho votato e a distanza di poco mi sono pentito di averli fatto, perchè, come nello stile dei tanti, le sue erano solo chiacchiere, falsi ideali che presto ha accantonato e che oggi ci ripropone. Ha perso di credibilità ormai, e non solo ai miei occhi, ma anche dei tanti che ancora speravano che dopo 5 anni, con un pò più di maturità potesse aprire uno spiraglio. La credibilità l'ha persa anche agli occhi dei suoi più fidati sostenitori, lui che, proponendosi a sindaco, li ha traditi dall'oggi al domani con la candidatura di Giovanni Lombardi, lui che si vantava fuori dallo schieramento che Giovanni era solo una pedina nelle sue mani, una carta da giocare su una persona "nuova" che non aveva nulla di politico. Tanto di rispetto per il Dott. Lombardi che vuole prodigarsi per i giovani, attirando intorno a sè ragazzi ignari della sua vera "natura" di non politico, figlio di un altrettanto "stimato" dott. Lombardi che mai ha mosso un dito per i suoi concittadini, tradendo il voto di speranza che gli era stato accordato. Ma la mossa più insensata è stata l'accordo con Zacchia (????? accordi di interesse a fronte di una carica che forse può garantirgli solo Caparco!!!!!). Quali ideali sta perseguendo Antonello? Lui che con Lombardi avrebbe fatto il "secondo", invece oggi non è nè terzo, nè quarto, visto che ha dovuto cedere lo "scettro" a Giuliano Cipro e ad Antonio Capuano. Con che faccia si presenterà ai suoi elettori? Come può pretendere che i suoi "vecchi" sostenitori possano ancora votarlo? Cinque anni fa dai balconi Antonello ci teneva a sottolineare che mai e poi mai avrebbe fatto politica con Zacchia, di cui non ne condivideva le idee, il modo di fare...e tante cattiverie che non sto qui a sottolineare....dov'è finita la coerenza??? Questa è la politica? Pur di vincere, chissà per quali accordi futuri, si è pronti a calpestare i propri ideali e con essi la dignità delle persone?... e se si è disposti a fare questo, non oso immaginare a quali compromessi siamo esposti...Io non ci sto!!!! I caleni hanno bisogno di certezze.!!!!..non sono le chiacchiere, i "nomi" che contano , le false opere umanitarie gettate in pasto ai siti, le visite elargite a scopi personale, per dire domani: io ti ho aiutato, (CHI DONA CON IL CUORE; NON SI VANTA!) a far vincere, ci vogliono i fatti, ci vuole l'umiltà di scendere per strada, di dare una mano a chi ne ha bisogno, di avere il coraggio di mettersi in discussione...di rendere l'altro partecipe...e tutto questo, caro Massimo, non si può improvvisare!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.