A CHI E' SERVITO QUESTO CONVEGNO?

Sono reduce dall’incontro tenuto al palazzetto di Calvi organizzato dall’attuale amministrazione per chiarire alla cittadinanza la tipologia di impianto per la produzione di energia da frazione umida dei rifiuti solidi urbani.

Mi accompagnano alcune perplessità e la netta sensazione di aver partecipato ad una farsa.

Anzitutto la modalità di presentazione del progetto: se chiami i tecnici della Iavazzi, azienda proponente l’impianto, ad illustrare il tutto, mi sembra alquanto scontato che presenteranno questa tecnologia come la più sicura e sostenibile del mondo.
Inoltre, se a far da contraltare ti scegli a tuo insindacabile giudizio il professore di turno, mi sembra che l’occasione di confronto risulti impoverita e l’impostazione di partenza fortemente preconcetta.
Ho assistito di persona al balletto dei tecnici e ad ore di relazioni scientifiche di fior di professoroni, quando si è trattato della centrale a turbogas di Sparanise, per non ignorare che anche il dato tecnico si può manipolare per i propri interessi.
La partecipazione è stata poi davvero scarsa: se si eccettuano i candidati di tutte le liste, gli amministratori attuali e i parenti prossimi degli stessi, forse eravamo una trentina e molti neanche di Calvi.
Quindi, tornando al titolo, non credo sia servito ai cittadini caleni per i quali era organizzato.

Forse serviva solo all’amministrazione.
Mi viene da pensare che il convegno in questione era un pretesto così da poter affermare, in sede di comizio, di aver cercato il confronto con la cittadinanza.
Argomentazione debole: l’amministrazione è stata totalmente assente fino ad oggi e in apertura del convegno, per ammissione dello stesso sindaco, si è affermato che la stessa non sia neanche direttamente competente per l’insediamento in questione, in quanto ricadente su zona ASI.
Delle due l’una: o sei competente e intendi informare la cittadinanza per un confronto fattivo o non sei competente in materia, ma ci vuoi vendere il prodotto “centrale” e farlo digerire ai tuoi elettori più sensibili sul tema.
Per cui non è servito neanche a loro, anzi c’è il rischio che possa ritorcersi come un boomerang nella ricerca del consenso cui si sottoporranno in questi giorni i candidati alla prossima tornata.

Allora è servito alle opposizioni.
Sicuramente lo scivolone del sindaco nel finale del convegno (non sempre paga dare dell’imbecille a qualcuno) potrà avvantaggiare gli altri due candidati e tutta la pessima gestione del problema centrale sarà un cavallo di battaglia abusato nella prossima querelle elettorale, anche se noto che nessuno delle opposizioni ha preso la parola, intervenendo nel dibattito.
Si è lasciato questo onere al comitato “no alla centrale”, che ha difeso le sue posizioni con argomentazioni valide e ampiamente condivisibili.
Ne colgo tre, che sottoscrivo in pieno:
- inutilità per la collettività dell’insediamento industriale a tutto vantaggio esclusivo della famiglia Iavazzi;
- priorità per la bonifica dell’area ex Pozzi;
- differimento a dopo le elezioni della conferenza di servizi, organizzata in Regione sul tema per i primi di maggio.

Concludo chiedendomi e chiedendo il perché della tempistica così accelerata, all’approssimarsi di una scadenza elettorale.
Tutta questa fretta è sospetta, le assonanze con la questione Gea sono troppe e suonano sinistre.


Francesco Zona

Commenti

  1. Tralasciando considerazioni politiche e folkloristiche, mi permetto di osservare una cosa. Le idee espresse dai ragazzi del Comitato e del CSOA sono in gran parte giuste e condivisibili. Il problema nasce dalla loro impostazione ideologica che ha come base fondante il rifiuto del dialogo ed il disprezzo (mascherato da un ampio strato di ipocrisia) di qualsiasi opinione contraria alla loro. Lasciare a casa una buona dose di arroganza potrebbe giovare a tutti, le battaglie civili (e non ideologiche) possono essere vinte grazie, e soprattutto, alla buona educazione.

    RispondiElimina
  2. Nicandro Bovenzi30 aprile 2014 16:47

    Assolutamente d'accordo con te, Francesco. Anche chi pensa che l'impianto possa avere una qualche utilità per la collettività (cosa che io assolutamente non credo) DEVE rendersi conto che la priorità è la bonifica dell'area, il cui degrado ha già ampiamente danneggiato le popolazioni dell'Agro Caleno.
    Inoltre, credo che in base ai presupposti menzionati, non si possa abusare della parola "ideologia": o si condividono delle argomentazioni oggettive, oppure si condivide l'opposto...tertium non datur!

    RispondiElimina
  3. Il primato della salute pubblica è sacro, quindi è ovvio che la bonifica dei luoghi sia di primaria importanza. L'importante è "non buttarla in caciara" e non strumentalizzare la faccenda per scopi politici. Dall'anonimo di cui sopra.

    RispondiElimina
  4. hai centrato in pieno l'intendo del sindaco uscente e dei suoi sostenitori.
    Mi sarebbe piaciuto tanto conoscere il parere del nostro assessore alla sanita' e della prima fila schierata a favore di questa farsa.
    blocchiamo tutti insieme questa inutile centrale.

    RispondiElimina
  5. assolutamente d'accordo
    mi sarebbe piaciuto sentire ,però, anche il perere della lista caparco, soprattutto l'assessore alla sanità sugli effetti benefici della centrale, che ne pensi .

    RispondiElimina
  6. In ogni caso mi sorprende la facilità con la quale il sign. Sindaco è caduto nel trappolone preparatogli a mestiere dai "NO TAV" ( ??? ) nostrani.

    RispondiElimina
  7. Dopo il video montaggio preparato dal pignatarese, possiamo sicuramente affermare che sono pilotati da un ottimo regista... ma loro sapranno reggere la regia del nostro Comune? Ma il popolo caleno sa che sono persone già conosciute a Calvi Risorta e che poco dopo mollano tutto e si rigirano la giacchetta!!!

    RispondiElimina
  8. caro anonimo tutto puoi dire tranne che dopo un pò mollano tutto,sei poco attento alla vita politica degli ultimi cinque anni, ti saluto con affetto

    RispondiElimina
  9. Qualcuno mi ha consigliato di vedere gli ultimi 10 anni... che coerenza!

    RispondiElimina
  10. siete andati in vacanza?Qualcosa non sta andando per il verso giusto?

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.