I LIBRI DELLA MIA LIBRERIA -- TERZO CAPITOLO


TERZO CAPITOLO
 
– da Giovanni Pezzulo a Sonia Quaranta (passando per Maria Luisa Belloni  Pamela Bonacci, Isabella Izzo e Carlo Guglielmo Izzo)

 
Chissà se il mio amico Giovanni Pezzulo, ora proprietario della Casa Editrice Edizioni Italia, ricorda il suo intervento sul periodico “Le Muse”, edito dall’Associazione “Amici della Musica” di Pignataro Maggiore.
Ho ritrovato quel numero, pubblicato a settembre 2007, dove Giovanni narra di un "episodio di reazione" avvenuto a Vitulazio, subito dopo l’insediamento del nuovo Re d’Italia, Vittorio Emanuele II, avvenuto in data 17 marzo 1861.
L’articolo offre uno spaccato molto interessante della vita di allora e rappresenta, senza ombra di dubbio, come i campanilismi fossero anche a quel tempo molto forti e radicati.
Al punto che il sindaco della vicina cittadina di Bellona si premura di denunciare presunte attività sovversive da parte dei cittadini di Vitulazio, proprio durante il  secondo giorno della Festa religiosa della Madonna dell’Agnena,   asserendo, con disarmante esagerazione, che durante la festa i “naturali”, e cioè i cittadini del luogo, si erano dati a gridare: “Viva Francesco II (di Borbone)”.
Poco importa, come sarà appurata nella dettagliata analisi di Giovanni, che solo due contadini avessero inneggiato al vecchio re borbone e che entrambi fossero completamente ubriachi.
L’episodio dà la misura di come, anche in quei tempi, ci fossero persone che ricorrevano a tutto per ingraziarsi i potenti di turno.
Penserà il Giudice di allora a far luce sulla vicenda, relegandola ai suoi reali contorni di verità.
“Il vero e il falso viene alla luce…. E a Lei si denunzia spesso il falso. Chi denunzia il falso è nemico della patria, è il ricercatore di vendette private, è il disturbatore di quella pace che tanto si ricerca dalla gente..”

Per restare nell’ambito della poesia, conservo con cura e amore la raccolta “Come foglie al vento” di Maria Luisa Belloni, mia collega a Milano fin dai tempi della gloriosa Fina Italiana. Ma l’amicizia non avrebbe addolcito il giudizio, se veramente non avessi trovato, nei suoi scritti, la grande dote di Maria Luisa di “saperci illuminare di una luce immensa con brevi intensi impulsi” (dall’introduzione di Emanuele Skoufas), regalandoci così una lettura fresca e leggera, che resta ancorata nel cuore.

Dolore
Spargerò
manciate di poesia
sopra un campo di
dolore vero.
Raccoglierò
inusitati
fiori del pensiero.
 
 

Tra i libri autoprodotti merita un cenno quello di Pamela BonacciDue fratelli, un solo amore”.


Come tutti i libri di questo genere, al di là della bontà e dell’originalità della trama, appare evidente la mancanza di un correttore di bozze professionale, nonché di un editor che, nel caso di Pamela,  avrebbe aiutato la scrittrice ad esprimersi in maniera più compiuta, arrecando un grosso valore aggiunto alla sua opera.

“Ben vestito e dai modi molto educati, era un bel ragazzo e Lorella che si sentiva da troppo tempo sola allungò la mano: “Piacere , sono Lorella.”
“Il piacere è tutto mio Lorella, io mi chiamo Luigi; le andrebbe di fare una passeggiata?” Lei aveva appena finito di consumare il caffè.”

 

 



Altra scrittrice e altro genere. Quello fantasy intrapreso dapprima con “Habor – Storia di un regno” e poi con “La schiava dei Tudor”, quest’ultimo con un ottimo riscontro di vendite e di critica. Così Isabella Izzo risulta oggi una delle nostre più belle e promettenti realtà editoriali.
Uno di questi giorni, anche da lei dovrò farmi fare un bella dedica sui suoi libri, il secondo dei quali è veramente coinvolgente e appassionante, un bel librone di quattrocentocinquanta pagine.

“Sulla strada del ritorno Masala sperò che il padre decidesse di fermarsi nuovamente al villaggio di Sarah, ma sfortunatamente per lui, che desiderava di rivedere la ragazza, lord Charl preferì non fare soste. Verso metà pomeriggio furono a Whitby.
Quando varcarono la soglia di casa il fedele Billo saltò gioioso tra le braccia del padrone per dargli il benvenuto.” (da “La schiava dei Tudor”).

 


Con l’occasione della messa in ordine del mio patrimonio librario, riscopro anche una bella raccolta di fotografie di un mio amico e parente, Carlo Guglielmo Izzo, che racconta in “Capri” le tante, infinite bellezze dell’omonima isola..
Istantanee pregevoli, che di volta in volta immortalano la vista dell’isola dai terrazzi del Cesare Augusto o dalle finestre che danno sulla famosa Piazzetta, o dai mille spunti e panorami che la splendida isola offre..

Come recita l’autore “un vero e proprio atto d’amore per tutte le molteplici intense emozioni che essa ha saputo regalarmi nei tanti anni della sua frequentazione.”

 
Altra amica da tempo, Sonia Quaranta, salernitana, è l’autrice di un bel libro intitolato “Il prezzo del destino”, che narra, con ottime capacità espressive, la storia di due sorelle che vivono immerse nell’High Society.
Anche in questo caso, però, il Self Publishing ha danneggiato, seppur di poco, la qualità dell’insieme, non essendosi potuta giovare l’autrice di collaboratori professionali nei ruoli di correttore di bozze e di editor.
“Ma ciò che Margaret trovava più straordinario di tutto, era lo scenario dove si svolgeva la serata in una splendida notte di maggio.
Infatti la sfilata ebbe luogo in Piazza di Spagna; una delle più note e suggestive piazze della città. Faceva da sfondo e da passerella la scenografica scalinata di Trinità dei Monti, che scendeva frivola nelle sue dodici rampe di travertino, ricoperta di azalee fiorite.”

 


Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.