E' tempo di "community" sulla politica calena


Dalla lettura di tanti appassionati interventi su questo blog, ho riscontrato la diffusa impressione che servano nuove idee e nuove persone nella politica del nostro comune per migliorare davvero le cose. Pur ritenendomi un semplice cittadino, proprio perché tale, mi sento chiamato a fare la mia parte per “lasciare il mondo un po’ migliore di come l’ho trovato” (questo è un motto caro agli scout). Mi ha inoltre colpito l'affermazione di un amico che sul blog ha citato Einstein:
"Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l'inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare."
Mi sono chiesto perciò cosa non funzioni a Calvi Risorta nel modo di fare politica. Nei post di questo blog ho notato una certa tendenza ed un gusto ad appassionarsi ad un toto nomine per la prossima amministrazione. Al quale, devo confessare, guardavo tra il serio e il faceto, ma comunque interessato e divertito nel leggere i vari nomi con le future qualifiche.
In fondo però, pensavo e penso che tale esercizio sia privo di solide basi. Perché allora non lanciare sul blog una provocazione, dettata anche da molti di voi che si soffermano e parlano di una politica di idee e progetti e non solo di querele e denunce, di una politica fatta di condivisione e non di personalismi? Una provocazione che punti ad individuare un’alternativa politica per Calvi invertendo ciò che tutti danno per scontato e cioè la caccia al singolo da eleggere. Il gioco è quello di non partire dagli uomini, ma dai valori sottesi ad ogni buon programma politico.
L’idea è quella di individuare con voi lettori (pochi o molti che siate) i VALORI su cui fondare un azione politica. Da questi passeremo poi insieme a delineare i PROGRAMMI, generici e sfumati per definizione e da lì ai PROGETTI CONCRETI, per rendere reali ed applicabili le linee valoriali che ci siamo dati come sfondo e come orizzonte dell’azione politica. Solo allora saremo in grado di scegliere quegli UOMINI tra i nostri concittadini che possono incarnare i valori da noi definiti e portare avanti e a compimento i programmi e i progetti che tutti insieme avremo individuato.
Forse questo discorso potrà sembrare complicato, ma ritengo che esso possa costituire un simpatico esercizio di costruzione di una mentalità “politica”, nel senso ampio del termine, cioè di una mentalità capace di pensare con progettualità al bene comune, partendo da valori condivisi.
Abbiamo insieme letto, sul blog, molte affermazioni e proposte intese a risolvere, in maniere svariate, le carenze croniche della nostra cittadina. Ma tutte quante, spero ne converrete, apparivano, pur buone in teoria, slegate ed avulse da un contesto e da ogni organicità e coerenza progettuale. Si rende insomma necessario, a mio avviso, uno sfondo valoriale comune che porti una coerenza e una lungimiranza nell’agire “politico”.
La prima cosa da fare allora, se ne avete voglia, è quella di esercitarsi, in un nuovo spazio, ad incasellare valori, idee e progetti in questo percorso. Per fare un esempio, troverete delle categorie nei forum del sito Utòpia che vi permetteranno di inserire articoli, fare domande, inviare commenti in maniera strutturata. Ognuno potrà così avviare discussioni in 4 macro-aree (di cui l'ultima dovrebbe essere un punto d'arrivo):

- Definizione dei valori, gli IDEALI, che ognuno di voi intende privilegiare e sviluppare. Alcuni esempi: La tutela dell’ambiente, lo sviluppo sostenibile, lo sport, la valorizzazione dell’antica Cales, lo sfruttamento turistico dei beni architettonici, la trasparenza, la legalità, la valorizzazione dell’associazionismo, la condivisione delle problematiche dei cittadini, ecc.

- Definizione dei programmi, le IDEE: tipo riqualificazione delle aree verdi, arredo urbano, raccolta differenziata, ecc.

- Definizione dei PROGETTI: idee di pratica realizzazione a breve respiro, realizzabili in tre/quattro anni. Ad esempio, definire la mappatura dei percorsi naturalistici, accrescere l’efficacia della raccolta differenziata e portare avanti lo sfruttamento energetico della stessa, migliorare l’assetto urbano, ecc.
Arrivati a questo punto potremo essere in grado di individuare l’uomo, la personalità calena in grado di assumersi l’onere di incarnare il valore, sviluppare il programma e portare a termine il progetto.

- Si arriva a definire infine le PERSONE: l’uomo potrà così essere indicato come idoneo alla copertura di un ruolo, tipo assessore, sindaco, consigliere, esperto esterno all’amministrazione, ecc.

A questo punto non rimarrà altro che tracciare più percorsi sui quali confrontarsi e stimolare il dibattito, elencare il programma e i relativi progetti e infine provare ad incasellare, per ciascuna problematica, i nomi che ci sembreranno più giusti a risolverla nel bene comune. Naturalmente non sarà necessario che ciascuno di voi crei un percorso completo su ogni singolo valore, è importante però partire da un’idea, da un’iniziativa, da un pensiero relativo ad esso. Sarà poi compito di tutti, ognuno con la propria capacità e voglia di fare, di sviluppare questo valore per far sì che diventi programma e progetto.
Mi auguro che questa iniziativa porti, se non a risultati pratici, ad accrescere in ognuno dei partecipanti la voglia di un confronto civile, base irrinunciabile di ogni agire politico.

Ho provveduto perciò a creare un nuovo spazio in internet, aperto al contributo di tutti, una sorta di "community", che abbia come tema centrale la politica calena, cui sarà possibile accedere dal link al lato, tra i siti consigliati.

Il suo nome è Utòpia, come la città perfetta immaginata da Tommaso Moro.

Commenti

  1. Ciao Massimo, complimenti per l'iniziativa. Non ti fermi mai e questo ti fa onore. Mi registro subito e metterò il link diretto anche sul mio sito www.calvirisorta.com

    Un abbraccio.

    Claudio De Lucia

    RispondiElimina
  2. Finalmente
    non se ne poteva più di leggere sempre le stesse cose.
    Cambiamo pagina e tiriamo fuori gli attributi (idee e valori).
    Anonimo antipatico

    RispondiElimina
  3. Buona idea Massimo, ci sarò.
    F.T.

    RispondiElimina
  4. Pessima idea, Massimo! Oggi non credo sia tempo nè di community nè di altre iniziative simili, sostanzialmente campate in aria e, perciò, da rispedire decisamente al mittente, almeno per quanto mi riguarda! Mi stupisco, piuttosto, che un fine ed attento OSSERVATORE come te, e sottolineo OSSERVATORE, ancora adesso si chieda cosa non funzioni a Calvi; la risposta la conosci fin troppo bene, così come confermato praticamente da tutti gli amici che si sono di volta in volta susseguiti sul tuo blog ( E SCUSA SE E’ POCO) ed è così riassumibile: GIUNTA ZACCHIA, o anche AMMINISTRAZIONE ZACCHIA, se preferisci! Peccato che invece di questo dato inconfutabile ed allo stesso tempo strasignificativo (per non dire altro), ti abbia haimè colpito in modo particolare la citazione di Einstein a proposito dell’inerzia dei giusti che, per quanto rispettabile sia, non vedo proprio quale utilità pratica possa fornire, e a chi! Ma tanto sono solo piccoli dettagli, figuriamoci!
    Ci tengo, inoltre, a farti un ulteriore appunto sul MODO in cui articoli alcuni tuoi editoriali (e quello in questione non fa certo eccezione) che non mi sembra molto ortodosso, nel senso che parti con alcune idee e riflessioni ad ampio spettro ed anche astrattamente condivisibili ma poi, chissà perché, direttamente o indirettamente finisci sempre col lanciare evidenti e precise frecciatine ad alcuni personaggi politici locali che, molto probabilmente, ti innervosiscono a tal punto da non essere abbastanza onesto ed equilibrato nei loro confronti (non che tu debba necessariamente inneggiare a loro, sia chiaro) e questo secondo me non ti fa per niente onore, pur essendo una tua più che legittima prerogativa, per carità! E sai bene a chi e a cosa mi riferisco, per cui non vado oltre in proposito, anche perché penso che non servirebbe assolutamente a niente, conoscendo il tuo classico modus agendi!
    Quanto infine alle solite e per me ampiamente superate favolette sui valori/idee/programmi/progetti e quant’altro e senza alcuno spirito polemico, ma comunque con enorme convinzione, dico solo che la cosa fondamentale ed ineluttabile sia quella di voltare pagina al più presto, anche se i danni propinati solo ed esclusivamente dalla GIUNTA ZACCHIA, e sottolineo GIUNTA ZACCHIA, sono tali e tanti che, senza esagerare, ritengo ci voglia ormai la cosiddetta MANO DE DIOS per risollevarci definitivamente e ritornare ai VECCHI FASTI, e sottolineo VECCHI FASTI!
    Tutto ciò premesso concludo dicendo che, a mio modestissimo avviso, è tempo non tanto di community o paroloni equivalenti ma, più realisticamente e senza offesa, di pre-condizioni di base da cui sviluppare tutto il resto, e tali pre-condizioni sono essenzialmente riconducibili a concetti tanto elementari quanto IN VIA DI ESTINZIONE, e sottolineo mille volte IN VIA DI ESTINZIONE, come quelli di OBIETTIVITA’ (in primis e da parte di TUTTI, e sottolineo TUTTI) ma anche di BUON SENSO, ONESTA’ INTELLETTUALE, SENSO CIVICO e COERENZA, solo per citare quelli per me fondamentali! E tale ragionamento ritengo che debba e possa spingersi, verosimilmente, anche e soprattutto ad ambiti diversi da quello squisitamente politico, ma non per questo meno importanti o interessanti! In definitiva, mio caro MASSIMO ZONA, e sottolineo MASSIMO ZONA, mi viene paradossalmente da dirti quanto segue: AGGIORNATI finchè sei in tempo e sforzati d’ora in avanti di essere maggiormente sereno e distaccato nelle tue pur valide riflessioni da comune cittadino; solo in tal modo potrai, finalmente ed a ragione, avere la certezza di “lasciare il mondo un po’ migliore di come l’hai trovato”, senza nemmeno la necessità di community o di chissà quali livelli di brainstorming collettivo; che tu ci creda o no è così, e non solo per me. FIDATI, e sottolineo FIDATI!

    Nella più assoluta buona fede e trasparenza
    Francesco Tiratore, e sottolineo Francesco Tiratore

    RispondiElimina
  5. Concordo pienamente con quanto detto dall'amico Francesco Tiratore, soprattutto in merito alla valutazione dell'amministrazione Zacchia, fallimentare sotto ogni punto di vista! Speriamo in un futuro migliore e più consono alla storia millenaria della nostra Calvi!

    RispondiElimina
  6. Caro Massimo Zona, e sottolineo Massimo Zona, mi aspettavo almeno qualche parola di replica da parte tua dopo le mie circostanziate e penso interessanti valutazioni di merito e metodo, ma forse sei troppo preso dal nuovo progetto della Community, dimenticavo, o forse non ho pensato ad inserire qualche intelligente citazione d'autore all'interno del mio intervento, come invece è solito fare qualche altro! Chiedo scusa a tutti se non sono mai al passo con i tempi, è un mio vezzo; infatti sono fiero di essere un Tradizionalista convinto e praticante, soprattutto in termini di accettazione incondizionata di valori universali quali OBIETTIVITA' in primis, BUON SENSO, COERENZA, ONESTA' INTELLETTUALE, SENSO CIVICO, e via dicendo!
    Scusate se insisto, so Fondamentalista, direbbe Simone Schettino

    Francesco Tiratore, e sottolineo Francesco tiratore

    RispondiElimina
  7. Caro Francesco “Sottolineatore”, in merito a quanto da te osservato mi permetto di dissentire su molte delle tue asserzioni, prima tra tutte la trasparenza e l’onestà che dici di porre a fondamento della tua esperienza. Questo blog è aperto a tutti e assisto non di rado a rudi battibecchi tra gente che non la pensa nello stesso modo, comunque asserragliata nella sua anonimità. Ritengo però che quando si fa una critica come la tua, direttamente al conduttore del blog, si debba in qualche modo gratificarlo almeno della conoscenza diretta di chi gli porta la critica, visto che lui si espone direttamente. E questo a proposito di trasparenza. Ripeto però che questa è una mia convinzione personale e non vuole in alcun modo costituire un giudizio nei tuoi confronti. Veniamo al dunque o, come avrebbe detto il mio professore di filosofia, al “costrutto”. Probabilmente (anzi a questo punto direi sicuramente) la mia idea della community non ha avuto alcun successo, anche perché il nocciolo centrale della stessa era ed è imperniato sulla necessità di individuare proprio quei valori comuni di cui tu vai parlando, attraverso le idee, i programmi e i progetti politici per poi verificare chi e quale sia la persona migliore per portarli avanti. A titolo di esempio, personalmente sono molto interessato allo sviluppo dello sport e nell’ambito di tale argomento avrei pensato o a Gigi Mele o a suo figlio Silver, solo però se i programmi e i progetti sviluppati insieme con gli altri blogger interessati all’argomento avessero consigliato questo indirizzo. Ammetto perciò, non senza delusione, che allo stato nel sito Utòpia non c’è nemmeno un intervento del tipo da me auspicato, mentre la gente continua sul blog a polemizzare solo sui nomi, facendo il tifo per questo o per quello che non si sa per quale motivo bisognerebbe votare. Questa è una delle cose, caro amico Tiratore, che non funziona a Calvi e cioè l’assenza di qualsiasi prospettiva politica. Oggi fare politica, per la maggioranza dei cittadini, vuol dire solo stare da una parte o dall’altra, senza chiedersi nemmeno se una parte o l’altra abbia idee chiare su cosa fare per soddisfare i bisogni politici dei cittadini stessi. Per quanto “campata in aria”, come tu affermi, l’iniziativa della community potrebbe consentire, invece, una specie di scuola politica dove ad insegnare sono gli stessi naviganti e dove tutti possono partecipare, dare il proprio contributo, abituarsi a quello degli altri, rispettare chi non la pensa come loro. Oggi invece, e tu ne sei un esempio lampante, il dibattito si limita a condannare l’amministrazione di oggi, guardare con simpatia a quella di ieri, minimizzare i possibili nuovi protagonisti. E’ modo di fare politica, questo? Cosa propone di nuovo o di diverso la nuova cordata che si affaccia già sicura di stravincere? Non sta certo facendo una campagna elettorale per fare qualcosa, ma solo contro qualcuno. Quanto al mio modo di esprimermi, posso rassicurarti su un fatto: che non sono mai stato così sereno e distaccato dalle cose calene come in questo momento, tanto è vero che gli amici di Zacchia vanno dicendo pubblicamente in giro che se rivincono me la debbono far pagare (di cosa non so e di certo poco mi interessa), e quelli di Caparco continuano a vedermi come il fumo negli occhi. Segno questo, indiscutibile, dei miei sforzi per rimanere attento osservatore della realtà senza prenderne parte. Mi dici di aggiornarmi. Cerco di farlo ogni giorno, credimi, con molta umiltà e convinzione, anche se mi riesce difficile riuscire a capire perché un popolo abbia tanto desiderio di ripiombare in un periodo veramente nefasto per la storia cittadina come quello rappresentato dalla dinastia Caparco. Mi ricorda tanto il caso di quel marito che per fare un dispetto alla moglie si tagliò … con quel che segue. Forse mi ripeto, ma sto constatando che a questo popolo manca la memoria storica e senza memoria non si ha né sviluppo, né cambiamento. C’è un clima in giro da rivoluzione francese, con tanti giacobini pronti a tagliar teste. Capisco quindi il tuo punto di vista sulla community e altre iniziative simili. Temi che le stesse possano finalmente far riflettere tutti sulla necessità di guardare alla sostanza e non alla forma, ai progetti e non ai nomi, ad un futuro di grande respiro e non ad una specie di regolamento di conti. Personalmente non mi faccio illusioni, stai tranquillo. Noto però che lo scorrere degli avvenimenti non mi sembra così tranquillo e già incanalato come tu lasci intendere e come forse speri.

    RispondiElimina
  8. Caro Massimo,
    sinceramente, e sempre con la più totale apertura mentale e tranquillità d'animo, anche se comunque fortemente convinto di quello che penso e dico, ti faccio presente che, come tu ben sai, la gente che bazzica in politica è sempre più o meno la stessa, e non solo in quel di Calvi Risorta, motivo per cui, dando pure per nobile ed astrattamente condivisibile la tua teoria sulle idee/progetti da cui partire per poi individuare, in ultima istanza, le persone più indicate a perorare la spinosa CAUSA DEL BENE COMUNE, non credo proprio che qualcuna di queste eventuali persone in tal modo individuate si getterebbe tanto facilmente allo sbaraglio più totale contro i soliti ed agguerriti DECANI ED ACCUMULATORI STORICI DI VOTI LOCALI, dei quali credo sia inutile fare nomi e cognomi! Senza contare poi il fatto che, molto probabilmente, la stragrande maggioranza di queste eventuali persone scaturite dal metodo in esame, ossia quello delle IDEE-PROGETTI-VALORI di base, proprio per tale evidente ragione di fondo, credo che non sarebbe neanche effettivamente interessata ad intraprendere una strada di questo tipo, proprio perchè perfettamente consapevole di cosa comporti tutto ciò dal punto di vista squisitamente pratico e relazionale! Tutto ciò, naturalmente, solo per farti capire una volta di più quanto sia utopistica e, perdonami se insisto, del tutto IMPROPONIBILE E FUORI LUOGO, stando così le cose, una tua iniziativa in tal senso! Sul fatto, invece, dei NOMI tirati in ballo dai vari bloggeristi ivi operanti, pratica questa che, peraltro, mi risulta anche tu abbia talvolta seguito in più di una delle tue svariate riflessioni di carattere generale a sfondo socio-politico-culturale, non credo proprio che un simile modo di argomentare possa essere considerato tout court sbagliato, nel senso che ci può anche stare, secondo me, il riferimento a Tizio, Caio o Sempronio; quello che, viceversa, non mi va proprio a genio di certi amici bloggeristi, è piuttosto il fatto di affermare e ribadire continuamente delle emerite cavolate assolutamente non rispondenti al vero e, molto probabilmente, buttate lì giusto per cercare di tirare acqua al proprio mulino, cercando di ingannare magari gli eventuali lettori poco o per nulla interessati a certi tipi di attività/discorsi! Ed anche su questo punto, quindi, non mi pare che tu sia stato troppo esemplare, nel senso che, a mio parere, avresti quanto meno dovuto rimarcare una simile ed infelice circostanza, anche e solo in termini generali ,casomai, come pure a scopo meramente precauzionale! A tal proposito, inoltre, non condivido neanche la tua critica alla questione ANONIMATO, per due motivi principali:in primis perchè penso che questo sia uno dei pochi elementi positivi offerti dall'odierno mondo virtuale e, in secondo luogo, per via del fatto che ritengo sia molto più importante guardare al CONTENUTO degli interventi, piuttosto che alla eventuale firma in calce agli stessi; tra l'altro chi ti potrà mai assicurare che una firma apposta su un qualsiasi intervento virtuale sia effettivamente quella di colui che lo ha, di fatto, posto in essere?
    Oltretutto non accetto affatto questa tua personale visione delle cose neanche per quanto mi riguarda, dato che ritengo a dir poco prevedibile che, chiunque rivesta un qualche ruolo sociale, come è nel tuo caso in relazione al presente blog, debba verosimilmente aspettarsi tanto elogi quanto critiche costruttive, come ad esempio le mie! Ancora, credo sia essenziale rimarcare il fatto che, quando si fa della dietrologia, come spesso e volentieri fai ed hai fatto anche tu, si debba per lo meno avere l'ONESTA' INTELLETTUALE di non essere troppo riduttivi e SFASCISTI a tutti i costi, anche e soprattutto per esigenze di OBIETTIVITA' in primis, ma pure per una minima forma di rispetto delle persone e del lavoro da loro svolto in passato, ed anche qui sai bene a chi e a cosa mi riferisco! Tra l'altro, sempre senza alcun tono polemico nei tuoi confronti ma con la solita grandissima convinzione che mi è propria, non mi sembri per niente credibile nel momento in cui ti lamenti così tanto del recente passato caleno(passato che per quanto io ricordi non faceva certo così schifo come tenti semplicisticamente di far credere tu) e così poco, di converso, di un presente su cui ti sfido a trovare una solo persona di BUON SENSO che non rimpianga almeno una volta al giorno il RECENTE PASSATO SOCIO-POLITICO della nostra Calvi Risorta! E voglio fermarmi qua, in proposito, visto che è già stato detto e ridetto di tutto e di più dai vari bloggeristi ivi operanti! Se oggi si parla unanimemente male di chi ci amministra (DATO CHE NON MI PARE DI ESSERE IL SOLO "SFIGATO" AL RIGUARDO) mio caro Massimo Zona, vuol dire che COSTORO hanno creato e continuano a creare i presupposti del caso, per cui su questo preciso punto è sostanzialmente inutile che tu cerchi di girare la frittata in tutti i modi possibili, dato che la realtà non cambia di certo! L'unica cosa che mi infastidisce non poco - e non certo la community - invece, è come tu ben sai, la evidente e cronica mancanza di OBIETTIVITA' e di altri VALORI CON LA "V" MAIUSCOLA da parte di troppe persone e personaggi locali, ormai, i quali non si fanno e non fanno di certo onore alla nostra cittadina! A proposito dei suddeti VALORI, inoltre, devo farti presente che io li coltivo da sempre e li continuerò a coltivare fino alla morte, ma lo faccio nel mio vivere quotidiano, senza cioè bisogno di sbandierarli ai quattro venti! Spesso e volentieri, per la cronaca, ho pagato a caro prezzo la mia coerenza estrema e la mia profonda onestà intellettuale nel corso della mia vita, ma non per questo ho mai lontanamente pensato di percorrere scorciatoie varie o di rinnegare il mio particolare humus, come invece ho constatato a malincuore riguardo a parecchie persone/personaggi di Calvi e Dintorni! Mi sembra che il CLIMA RIVOLUZIONARIO che si respira oggi si respirasse anche nel 2004, solo che non mi pare che allora tu ti sia mai lamentato di qualcosa oppure che ti sia venuta in mente qualche brillante idea come quella della famigerata ma, a tua stessa detta, fallimentare Community che proponi con tanta insistenza e convinzione attualmente! Forse è plausibile che nel 2004 tu fossi un pò meno "Attento Osservatore" ed "Innovatore" di quanto lo sei oggi, o forse il programma proposto da Zacchia era, per te, il non plus ultra dell'Utopia (rimasta purtroppo tale); oppure gradivi stare da una parte piuttosto che dall'altra, senza chiederti nemmeno se l’altra parte avesse idee chiare su cosa fare per soddisfare i bisogni politici dei cittadini; questo non lo so!
    Se magari intendi replicare ulteriormente, anche e soprattutto sul punto in questione, ti sarei senz'altro grato e riconoscente! Può anche essere che qualche soluzione nuova e migliore per il prossimo futuro di Calvi possa venir fuori proprio da un "limpido" confronto a due sul presente blog, non si sa mai! Pensaci e fammi sapere, anche se, tuo malgrado, devo segnalarti che continuerò a tenere celata la mia vera identità, per ovvi motivi!

    Francesco Tiratore

    RispondiElimina
  9. "Dobbiamo imparare a vivere insieme come fratelli o periremo insieme come stolti."

    Martin Luter King

    RispondiElimina
  10. PRRRRRRRRRRRRR


    Alvaro Vitali

    RispondiElimina
  11. Grazie per la conferma, Alvaro: siamo veramente dei grandissimi... stolti.
    Non c'è speranza, né per Calvi, né per l'Italia; ogni parola è sprecata. Buona risata.

    Risus abundat in ore stultorum

    RispondiElimina
  12. Caro Massimo Sorvolatore, visto che mi appari sempre più evasivo su troppe questioni per te spinose, ti fornisco qualche utile assist su cui riflettere SERIAMENTE, se credi, e cercherò di essere abbastanza sintetico stavolta! Tu hai affermato che “al popolo di Calvi manca del tutto la Memoria Storica” a proposito della presumibile- ma non ancora scontata- rielezione a sindaco del Cricco, come sei solito chiamarlo tu. Io mi chiedo allibito quanto segue: ma come fai a non capire che è vero esattamente il contrario (?), così come dimostrato inequivocabilmente dalle elezioni del 2004 prima e da quelle provinciali del 2005 successivamente, laddove la gente non ha fatto chiaramente “sconti “ a nessuno, dapprima a Caparco e subito dopo a Zacchia, e questo proprio in virtù della grande e robusta memoria storica che contraddistingue i Caleni tutti! Tra l’altro ritengo che tu sia stato anche fortemente offensivo parlando in questo modo, nel senso che il tono da te utilizzato al riguardo mi è sembrato essere di evidente "ammonimento" verso chiunque si accinga a votare per il Cricco prossimamente, quasi come se si fosse in presenza di una sorta di reato agendo in tal modo! Io stesso voterò convintamene e liberamente per Caparco alle prossime elezioni, ma non per questo mi permetterei di redarguire o di offendere in qualche modo qualsiasi altro elettore che non la pensi come me o che, legittimamente, decida addirittura di astenersi dal voto! Semplicemente non condivido e basta! Al massimo mi limito a giudicare i nostri amministratori ,sia passati che presenti, ma non certo chi li ha di volta in volta votati! A tal proposito, inoltre, mi stupisce fin troppo il fatto che un osservatore attento come te non abbia nemmeno la dovuta Contezza del Presente, come traspare in modo lampante dal tenore dei tuoi molteplici interventi sul presente blog, altro che Memoria Storica da parte degli elettori! E te lo dice uno che non ha affatto difficoltà a criticare lo stesso Antonio Caparco, e questo a proposito di Onestà Intellettuale, in modo particolare quello della sua seconda legislatura (1999-2004), legislatura non certo felice sotto diversi punti di vista, non ultimo quello dell’assenza di una forte e determinata Opposizione Consiliare che potesse, in qualche modo, contenere e limitare alcune scelte/prese di posizione più che discutibili assunte dallo stesso Caparco, talvolta anche nel tipico stile “ONE MAN SHOW” tornato oggigiorno prepotentemente di moda con l’avvento dell’Amministrazione Zacchia! Comunque mi pare che la gente abbia capito abbondantemente tutte queste cose, sempre in considerazione dei già citati esiti elettorali del 2004 e del 2005, solo per segnalare quelli più recenti! Tutto ciò te lo dico anche e soprattutto in chiave polemica rispetto al tuo modo a dir poco semplicistico ed irresponsabile di giudicare gli attuali Consiglieri di Opposizione e la loro incessante attività di controllo e di segnalazioni del caso alle competenti Autorità di controllo, compito svolto quotidianamente, legittimamente e, cosa ancora più importante, nell’interesse della collettività tutta, che tu ci creda o no! Forse devo ritenere che tu ne faccia solo ed esclusivamente una banale questione personale con Caparco e/o con qualche altro attuale consigliere di opposizione? Il mio vero auspicio per il prossimo futuro, anzi, indipendentemente dalla Lista che vincerà le prossime elezioni, è proprio quello che possa esserci in primo luogo una Opposizione che faccia effettivamente il proprio mestiere istituzionale, anche in chiave costruttiva evidentemente, ma non solo! E a questo punto torno rapidamente anche sul tuo strano concetto di Dietrologia Politica, in quanto mi pare fuori dubbio il fatto che la dinastia Caparco abbia cominciato a fare realmente danni soltanto nel pieno della sua seconda legislatura e non per tutto il periodo in cui ha regnato, come invece vorresti Furbescamente far credere tu; del resto, se le cose stessero effettivamente come dici tu e sempre in base al mio ragionamento di prima , non penso proprio che si sarebbe potuta avere una seconda e consecutiva legislatura Caparco, per giunta anche in pompa magna, come si è invece verificato! Se poi vuoi farne, anche qui, soltanto una pura e semplice Questione Personale con Caparco, come io sono portato fortemente a credere, allora il discorso cambia radicalmente! Cerca di rispondermi in modo Realmente sereno e distaccato su queste mie pacate e chiarissime riflessioni da comune cittadino caleno, se ci riesci! E non dimenticarti neanche quella famosa questione del Clima Rivoluzionario che, a tuo modo di vedere, si respirerebbe oggi in paese, così come nel 2004, senza però tergiversare, se possibile, ed anche senza inutili citazioni più o meno d’autore!

    P. S. Sul fatto poi che l’ amministrazione Zacchia, a tua detta, te la dovrebbe far pagare in qualche modo, sono decisamente spiacente ma non ci crederei neanche se lo vedessi con i miei occhi!

    Francesco Tiratore

    RispondiElimina
  13. NOVE CONSIGLIERI SI DIMETTONO: CADE LA MAGGIORANZA DI ZACCHIA. AL VOTO IL PROSSIMO 6 e 7 GIUGNO 2009

    Salvatore Minieri e Vito Taffuri


    Il 2009 non poteva preannunciarsi peggiore per il sindaco Giacomo Zacchia e la sua amministrazione. Con una mossa a sorpresa, infatti, i nove consiglieri di opposizione hanno rassegnato in blocco, questa mattina, le proprie dimissioni dalla carica rivestita, dando così avvio alla procedura di scioglimento del consiglio prevista dal decreto legislativo n. 267/2000. Con ogni probabilità il Prefetto, come da prassi, decreterà domani stesso la sospensione del consiglio in attesa del decreto di scioglimento, inviando un commissario prefettizio per la provvisoria amministrazione dell’ente. Finisce così, con 160 giorni di anticipo sulla scadenza naturale del mandato, la tanto contestata gestione Zacchia.


    Eletto nel 2004, al termine di una campagna elettorale davvero infuocata, i caleni avevano fortemente creduto nell’ambizioso programma proposto dal giovane farmacista; ma le attese sono state prontamente deluse. Tanto che, dopo appena 10 mesi di amministrazione, non solo si poteva dire finita la “luna di miele” con gli elettori, ma si era già arrivati alla “richiesta di divorzio”. Infatti, alle elezioni provinciali del 2005, Zacchia viene pesantemente sconfitto proprio dall’ex sindaco Antonio Caparco, con un voto simbolico che aveva il sapore della bocciatura per la nuova compagine.

    È proprio in seguito a questa sconfitta che il sindaco, alla ricerca di capri espiatori, decreta la fuoriuscita coatta dei consiglieri eletti Massimo Taffuri e Casto Geremia dal gruppo di maggioranza. Di lì a pochi mesi, il sindaco espellerà anche il consigliere Nicola D’Onofrio ed il Presidente del consiglio comunale Giovanni Marrocco, che avevano manifestato dissenso verso il modo autarchico di gestire il comune, senza alcuna forma di condivisione delle scelte politiche, decise a monte da una “coppia di oligarchi” per conto di tutti gli altri, destinati all’ingrato ruolo di “alzadito”.


    D’altro canto l’attitudine epurativa del primo cittadino è emersa ampiamente nel corso di questi anni quando, alla guida degli uffici comunali, si sono avvicendati ben 14 segretari e 25 funzionari: grandi numeri che lasciano poco spazio alle fortuite coincidenze. La fuoriuscita di 4 consiglieri dal gruppo di maggioranza venne bilanciata con l’avvicinamento del consigliere Gabriella Perrotta – eletta nella lista di Gaetano Capuano – che, da lì a poco, sarebbe entrata a pieno titolo nel gruppo “Uniti per Calvi”; ciò consentiva al sindaco di mantenere la maggioranza con il proprio decisivo voto, dovendo però porre particolare attenzione, ogni volta, a che fossero sempre tutti presenti in aula per evitare brutte sorprese.


    E le sorprese non sono di certo mancate nel corso della consiliatura quando, ora per l’assenza di uno ora per quella di un altro consigliere, le sedute sono state sciolte per mancanza del numero legale. In fondo era questo lo scotto che il sindaco doveva mettere in conto di pagare nel momento in cui, in modo autoritario, aveva deciso di espellere 4 consiglieri della sua maggioranza che chiedevano semplicemente – in accordo ai principi fondanti della coalizione eletta – maggiore condivisione nelle scelte politiche. A mettersi di traverso, nell’estate del 2007, ci pensò il vicesindaco Piero Salerno: ma fu un fuoco di paglia, subito spento dopo pochi giorni con il rientro a casa del figliol prodigo, finanche contro la decisione del suo stesso partito. La litigiosità dell’amministrazione era ormai all’ordine del giorno, ma al più comportava la sistematica assenza di qualche assessore senza che ciò determinasse, però, alcuna conseguenza sulle sorti del governo locale.


    La svolta, tuttavia, c’è stata nel mese di ottobre 2008 quando i forti malumori interni si sono tradotti nella decisione del Presidente Gabriella Perrotta di fuoriuscire dal gruppo di maggioranza, e di costituire il gruppo “Democrazia e Libertà” in seno al consiglio comunale. Nel mese di novembre fu il vicesindaco Piero Salerno a fuoriuscire dalla maggioranza dando vita, proprio insieme alla Perrotta, al gruppo dei “Democratici”. Nel documento con cui assume tale decisione, il vicesindaco critica aspramente – così come fecero nel 2005 i quattro consiglieri del “Gruppo Misto” – un’amministrazione che, a suo dire, non avrebbe per nulla rispettato il programma ed il Patto con gli elettori, e che accentrava ogni decisione nelle mani di pochi.


    Contrariamente ai consiglieri Marrocco, Taffuri, D’Onofrio e Geremia, però, il vicesindaco conservava la propria carica e decideva – nonostante le critiche alla sua deludente amministrazione – di continuare a sostenere la maggioranza con il proprio voto!!! Fatto sta che tra consiglieri di opposizione e consiglieri che “si opponevano” ad un certo modo di amministrare la cosa pubblica, la maggioranza poteva paradossalmente contare su appena 7 consiglieri, mentre la “minoranza” su ben 10 consiglieri.

    RispondiElimina
  14. Caro Massimo,

    qualche notizia sulla tua community? Come procede?

    A presto

    RispondiElimina
  15. Caro Massimo "Sorvolatore",

    mi sembra che il CLIMA RIVOLUZIONARIO che si respira oggi si respirasse anche nel 2004, solo che non mi pare che allora tu ti sia mai lamentato di qualcosa oppure che ti sia venuta in mente qualche brillante idea come quella della famigerata ma, a tua stessa detta, fallimentare Community che proponi con tanta insistenza e convinzione attualmente! Forse è plausibile che nel 2004 tu fossi un pò meno "Attento Osservatore" ed "Innovatore" di quanto lo sei oggi, o forse il programma proposto da Zacchia era, per te, il non plus ultra dell'Utopia (rimasta purtroppo tale); oppure gradivi stare da una parte piuttosto che dall'altra, senza chiederti nemmeno se l’altra parte avesse idee chiare su cosa fare per soddisfare i bisogni politici dei cittadini; questo non lo so!
    Se intendi replicare, ammesso che tu ci riesca, sono sempre qui ad attenderti!

    Francesco Tiratore

    RispondiElimina
  16. Nei piccoli Comuni a giugno si voterà anche per Sindaci al terzo mandato

    Leggo questa notizia sul sito Calvi Risorta.com e penso alla tristezza provata da Zacchia nel vedere che lui non avrà neanche il secondo mandato.
    Sarà contento però Geremia, che potrà così continuare l'opera di rinnovamento di Rocchetta.

    Anonimo compassionevole

    RispondiElimina
  17. The end of Clomid remedial programme in treating infertility is to seat reasonable ovulation rather than cause the condition of numerous eggs. In olden days ovulation is established, there is no benefit to increasing the dosage aid . Numerous studies show that pregnancy regularly occurs during the elementary three months of infertility therapy and treatment beyond six months is not recommended. Clomid can well-spring side effects such as ovarian hyperstimulation (rare), visual disturbances, nausea, diminished "trait" of the cervical mucus, multiple births, and others.

    Clomid is frequently prescribed nearby generalists as a "start with crinkle" ovulation induction therapy. Most patients should undergo the fertility "workup" former to beginning any therapy. There could be various causes of infertility in wing as well as to ovulatory disorders, including endometriosis, tubal infection, cervical ingredient and others. Also, Clomid therapy should not be initiated until a semen division has been completed.
    Clomid and Other Ovulation Inducti
    Somali pirates extend their attacks against international ships in and thither the Bay of Aden, in regardless of of the hook up of stepped-up all-encompassing naval escorts and patrols - and the increased non-starter reduce of their attacks. At the beck agreements with Somalia, the U.N, and each other, ships alliance to fifteen countries these days donate someone a pounding the area. Somali pirates - who be subjected to won themselves substantially $200 million in reclaim since closer the start 2008 - are being captured more oft-times without shelve, and handed joined more point to authorities in Kenya, Yemen and Somalia in place of of the advance of trial. Unruffled here are some late-model photos of piracy touched in the crumpet the pass over of Somalia, and the epidemic efforts to sway it in.
    [url=http://innovationforum.no/members/clomid-yohimbe-macca-71/default.aspx]clomid yohimbe macca[/url]
    [url=http://centrocs.activclient.com/members/cramp-clomid-88/default.aspx]cramp clomid[/url]
    [url=http://programx.co.uk/members/took-last-of-clomid-now-what-97/default.aspx]took last of clomid now what[/url]
    [url=http://news.timestrib.com/members/difference-between-clomid-and-clomiphene-95/default.aspx]difference between clomid and clomiphene[/url]
    tel:95849301231123

    RispondiElimina
  18. Yes undoubtedly, in some moments I can reveal that I agree with you, but you may be inasmuch as other options.
    to the article there is quiet a definitely as you did in the fall efflux of this request www.google.com/ie?as_q=chennaionline recipes ?
    I noticed the catch-phrase you have in the offing not used. Or you profit by the dark methods of promotion of the resource. I possess a week and do necheg

    RispondiElimina
  19. [url=http://www.k2blacksmoke.com]K2 Black Smoke[/url].
    k2 affects the cannabanoids in the brain in the exact same way that thc does,
    that's what makes this stuff substitute for marijuana. it acts almost exactly like bud,
    that's the whole idea. I know it's worth every penny, you have to try this stuff out.
    You won't be disatisfied with this place [url=http://www.k2blacksmoke.com]K2 Smoke[/url]. Been
    ordering from them for a long time and they're shipping and billing is VERY discrete. Try it out today!

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.

LA CURA