SUPERLISTE E SUPERUOMINI

Con un titolo roboante “CAPARCO E MARROCCO: INSIEME IN UNA SUPERLISTA”, un giornale caleno annuncia la formazione di una super lista tra l’ex sindaco e il nuovo che avanza.
La firma è di un giornalista di Pignataro, che sembra conoscere le cose calene sicuramente meglio di noi. Dell’ex sindaco infatti dice: “Caparco è stato un primo cittadino capace di cambiare radicalmente la faccia della cittadina, migliorandone i servizi e potenziandone le strutture pubbliche …”
Forse eravamo distratti e sbadati, ma non ce ne siamo mai accorti di tanto bene fatto.
Non ce ne voglia l’illustre concittadino, si sa che la riconoscenza non è di questo mondo.
Di Marrocco annuncia:”… mentre Marrocco si segnala sempre più come il politico trasparente e serio del quale una città in crisi di identità come Calvi non può fare più a meno.”
Anche quest’ultima affermazione è cosa tutta da dimostrare, anche se non mettiamo in dubbio né la trasparenza, né la serietà del personaggio.
A questo punto però, proprio per dimostrare le qualità suddette, occorrerebbe quanto meno una smentita da parte del suddetto e una decisa presa di posizione contro la presunta alleanza con Caparco, visto che è stato eletto in una lista che ha fatto della lotta all’ex sindaco la sua bandiera.
Certo, in politica può avvenire tutto e il contrario di tutto, ma in questo caso l’aspirante sindaco si troverebbe contro anche la maggioranza del suo gruppo (Geremia, Taffuri, D’Onofrio e company) che non ha mai fatto mistero di non essere disposta a scendere a patti con nessuno degli attuali aspiranti al ruolo di sindaco (Caparco e Zacchia).
Certo, Marrocco è libero di fare quello che vuole, ci mancherebbe altro.
In caso di mancate precisazioni su tale alleanza, che equivarrebbe ad un’ammissione della stessa, dovrebbero faticare non poco a far valere numeri e muscoli che si hanno solo sulla carta, perché non immaginano neppure, forse, quanto il popolo caleno sia stufo di questo stato di cose e abbia voglia di cambiare veramente il proprio futuro, senza giochi di potere e di prestigio che di prestigioso hanno in realtà molto poco.

Commenti

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.