LA PISCINA RIAPRE I BATTENTI. E NESSUNO SE NE ACCORGE..

Proteste, sit-in, minacce, denunce, strappamento di vesti e di capelli, tutto in funzione di un asserito rispetto scrupoloso della legalità.
Ciò non ha impedito ai caleni e ai fruitori dei paesi esterni di utilizzare per un anno la piscina di Calvi, per mandarci grandi e piccini ad imparare il nuoto, ad assefuarsi alla fatica di imparare, a misurare se stessi, in un ambiente confortevole, in un’acqua tersa e anche troppo piena di cloro, come ho fatto notare più volte a Ciro, il gestore della stessa.
Non ci risulta che si siano nel frattempo verificati decessi per malaria, lebbra, colera e consimili malattie, né che ai bambini sia venuto lo scorbuto, la psoriasi, l’asma e la brucellosi.
Vogliamo parlare della pulizia di bagni e di servizi?
Nemmeno il Foro Italico di Roma, e ve lo dice chi lo ha frequentato per anni facendo agonistica, può vantare simili livelli.
Ora che la piscina ha riaperto, mancavano evidentemente solo documenti di purà formalità, non ho letto neppure un articolo da parte dei soliti noti che si avvalgono evidentemente, in questo caso, della facoltà di non parlare.
E neanche i quattro dell’Ave Maria, così pronti a fustigare costumi e comportamenti, hanno ritenuto di dovere comunque constatare che il risultato di rispetto formale della legge, anche grazie al loro intervento, era stato raggiunto.
Non mi piace questo modo di fare politica.
Non mi piace questo modo di fare giornalismo.
Perché, a ben vedere, né l’uno, né l’altro servono a risolvere veramente i problemi reali.

Commenti

  1. La questione posta dall'opposizione sulla piscina, che è un fiore all'occhiello della citta, non ha fatto altro che trasemttere all'esterno di Calvi r. una pessima immagine

    RispondiElimina
  2. quello che stavo cercando, grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.

LA CURA