LA SENTENZA CHOC DELLA CASSAZIONE CAUSATA DA UNA SQUADRA DI CALVI RISORTA
Una sentenza relativa al calcio minore, che riguarda la nostra cittadina, farà giurisprudenza.


Sembra incredibile, ma è così. La rissa seguita alla partita Valencia – Inter non ha ha avuto alcun seguito fuori dell’ambito sportivo. Se fosse stata disputata oggi al Meazza, Burdisso, Cordoba, Cruz e compagni avrebbero avuto il divieto di entrare in campo per almeno un anno.
Sono le conseguenza della sentenza n. 33864 della Cassazione che prende le mosse da una vicenda accaduta in un campionato minore di terza categoria disputato da una squadra di Calvi Risorta.
A seguito di una rissa il Questore di Caserta aveva deciso di impedire l’accesso allo stadio ad un dirigente e ad un giocatore della squadra. Il Gip non aveva approvato il provvedimento, sostenendo che certe misure restrittive della libertà non si applicano ai tesserati.
Il PM si è appellato alla Cassazione e la Suprema Corte ha deciso che il Questore aveva ragione, legittimandone il provvedimento, con la seguente motivazione:”.. va affermato il principio secondo il quale le misure adottabili ai sensi della legge 401/89 con riferimento a turbative nello svolgimento di manifestazioni sportive, si applicano nei confronti di tutti i soggetti indicati dal primo comma dell’art. 6, anche se trattasi di tesserati di federazioni sportive ed indipendentemente da ogni altro provvedimento di competenza degli organi della disciplina sportiva.”
In sostanza la Cassazione dice che vanno bene i provvedimenti di natura sportiva, ma ci sono anche le leggi dello stato da rispettare e le sanzioni previste vanno applicate anche a chi, essendo tesserato, risponde anche ad altre corti in virtù dell’autonomia dello sport.
Sentenza questa che fa immediatamente giurisprudenza, invitando così le società a tenere subito a freno i loro tesserati più focosi e più inclini a venire alle mani. Del resto le armi per farlo ce l’hanno e come! Basterebbe applicare a chi viene condannato per esempio ad un anno di esclusione dallo stadio, la clausola di rescissione del contratto dopo sei mesi di inattività o la riduzione dello stipendio in maniera considerevole vista l’assenza di prestazioni.
Tutto giusto, per carità.
Ma che il nome di Calvi Risorta sia risuonato a livello nazionale e internazionale solo per tale avvenimento, beh è cosa di cui noi caleni non riusciremo proprio a vantarci.

Commenti

  1. ma finiamo sui giornali solo per cose negative??
    ma questa cosa non indigna nessuno?

    RispondiElimina
  2. Da questo punto di vista, e cioè dell'indignazione, debbo purtroppo constatare che, finora, non si è levata una sola voce in questo senso, come se ormai fossimo
    abituati a farci scorrere tutto sulla pelle, senza che niente riesca più a colpirci e a indignarci. E questo è un male, perchè significa che la tensione morale è ai minimi storici.

    RispondiElimina
  3. SI, MASSIMO HAI PROPRIO RAGIONE. iL POST SULL'INDIGNAZIONE L'HO LASCIATO IO,ED E' SOLO L'AMARA CONSTATAZIONE DI UN DECLINO MORALE E CULTURALE, PER IL QUALE NON SI AVVERTE UN'INVERSIONE DI TENDENZA. TUTTAVIA BISOGNA RESISTERE E NON ACCETTARE PASSIVAMENTE QUESTO STATO DI COSE, FORNENDO UN'ALTERNATIVA CREDIBILE COSI' COME FAI TU DA QUESTO BLOG.
    T'ABBRACCIO
    ALFONSO LEONE

    RispondiElimina

Posta un commento

Per semplicità abbiamo deciso di lasciare aperto lo spazio per i commenti, senza registrazione preventiva. Ti invitiamo comunque a lasciare un nome o un nickname, cosicché sia agevole seguire le conversazioni.

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.