PASSATO IL PERICOLO FUOCO, IL SINDACO GEREMIA PENSA AL FUTURO.

Massimo Zona

Il fuoco si è fermato fortunatamente sui bordi della strada che porta da Rocchetta alla frazione di Croce: se fosse riuscito a sorpassarla l’intera montagna di Monte Maggiore sarebbe andata persa.
“Un danno incalcolabile per noi e per lo stesso futuro della cittadina, dichiara il sindaco Salvatore Geremia, perché tutti i nostri sforzi di amministrazione sono rivolti a valorizzare l’unico bene che abbiamo e cioè la natura. Nello scorso autunno siamo riusciti a ripristinare tutta la lunga salita che dalla frazione di Croce porta alla Chiesetta di San Salvatore, salita rifatta a regola d’arte e rispettando scrupolosamente la natura, con pietre e legname originali del posto. Pensare a quella salita immersa nel verde e vederla distrutta era quasi un incubo. Fortuna che il fuoco si è fermato in tempo.”
“Riprendono perciò i programmi di sviluppo della cittadina?” chiediamo.
“Guardi, ci dice sorridendo, proprio in questi giorni abbiamo ottenuto un finanziamento in base alla legge regionale 51/78 “Interventi per il recupero e restauro del patrimonio edilizio storico di proprietà pubblica”, di 400.000,00 euro che utilizzeremo per il restauro della Chiesa di San Salvatore, posta proprio sulla sommità del Monte Maggiore. Era un progetto che avevamo in cantieri da anni e che finalmente abbiamo visto realizzato.”
“C’è altro all’orizzonte?”
“Ci sono parecchie iniziative che stiamo portando avanti. Abbiamo in cantiere una serie di progetti atti alla rivalorizzazione di tutta la frazione di Croce, sia mediante interventi pubblici diretti, sia mediante accordi con privati intenzionati ad investire sul territorio. Personalmente ritengo che solo in questo modo e con tali collaborazioni si possa sperare in un rilancio deciso del territorio.”
“Come mai, sindaco, chiediamo maliziosamente, appena c’è qualche notizia, anche di semplice routine, sulla vita amministrativa di Rocchetta, la stessa viene ampliata a dismisura creando ad arte dubbi e perplessità sull’operato dei politici e in particolare del suo operato?”
“Si riferisce all’articolo che parlava della richiesta dell’invio dei nominativi delle ditte che hanno lavorato per questo Comune?”
“Esattamente.”
“Trattasi di una prassi normale che vale per tutte le cittadine e non solo per Rocchetta. Evidentemnte qualcuno ha interesse ad amplificare e travisare le notizie che ci riguardano, sperando forse di trarne un qualche tornaconto che, allo stato, non mi è dato di indovinare. Nel caso specifico, poi, ammesso e non concesso che qualcuno stia indagando, ed è cosa che a me, ripeto, non risulta, l’indagine dovrebbe riguardare i responsabili dei settori tecnico e di quello dei procedimenti, persone troppo esperte, entrambi, per avere commesso sbagli sia di impostazione, che di merito. Mi spiace perciò per i miei amici detrattori, ma anche stavolta hanno preso una solenne cantonata.”

Commenti

Post popolari in questo blog

I TANTI PLUTARCO DI CASA NOSTRA

LA CURA

Buona strada, Ernesto, e che la terra ti sia lieve.